Memoria, si salvaguarda attraverso il cuore

di Valentina Cervelli 4

Tra lo stress, il caldo e le problematiche da affrontare ogni giorno, la memoria spesso ne risente. Nonostante tutto un fattore non va tralasciato: se il nostro cuore sta bene e non soffre, anche la nostra memoria né giova. È questo il risultato di uno studio pubblicato recentemente sulla rivista di settore Neurology e condotto dai ricercatori inglesi dell’Università dell’Est Anglia.

Praticamente è bene curare il cuore per preservare la mente. Secondo gli scienziati chi soffre di fibrillazione atriale, soprattutto in seguito a un infarto è più propenso a sviluppare problemi di memoria. Cerchiamo di capire insieme di cosa stiamo parlando: per fibrillazione atriale s’intende una delle più comuni forme di aritmia cardiaca. Le sue cause sono differenti e di varia natura:  lo stress, l’abuso d’alcol, cardiopatie congenite, ed ipertiroidismo sono le principali. Secondo i dati provenienti dall’Inghilterra, nel paese della regina Elisabetta almeno 2% della popolazione soffrirebbe di questo disagio, con valori molto bassi nei bambini e pari a circa 18% negli anziani oltre gli 85 anni.

La ricerca preso in considerazione i dati e tutti risultati pubblicati relativi a ben 15 studi del settore i quali hanno potuto contare sulla partecipazione di almeno 46.000 persone di età media pari a 70 anni. Stimolo a tale studio è stato dato dal rapporto che già in passato, attraverso altre sperimentazioni, si era riscontrato tra la fibrillazione atriale ed i sintomi relativi alla demenza senile. Questa meta-analisi, come da sua definizione, ha tentato di chiarire questa correlazione. Dall’incrocio dei dati è emerso che chi sopravvive ad un infarto e in seguito ha disturbi del ritmo cardiaco, ha un rischio maggiore di sviluppare danni alla memoria rispetto a chi ha un battito regolare,  di almeno 2.4 volte .

Spiega il responsabile dello studio, Phyo Kyaw Myint:

I nostri risultati rappresentano il punto di partenza per individuare delle cure che possano ritardare, o meglio ancora prevenire, i danni dovuti alla demenza senile.

Curare la fibrillazione attraverso l’opportuna terapia farmacologica potrebbe quindi essere di aiuto a preservare le capacità mnemonica e dell’anziano evitando futuri danni cerebrali.

Articoli Correlati:

Artitmia Cardiaca, la scheda

Aritmie Cardiache, la cura arriva tramite la rete

Lamberto Sposini, problemi di memoria

Commenti (4)

  1. Nice post! I’ve added it to my favorites!

  2. si salvaguarda attraverso il cuore

  3. it is good to see

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>