Le diete non servono a dimagrire e, quel che è peggio, fanno ingrassare. Questo il parere di numerosi esperti interpellati dopo la decisione di Medicare, il sistema governativo di assicurazione medica statunitense, di considerare l’opportunità di tagliare i fondi destinati all’assistenza medica di chi, evidentemente perchè obeso, decide di sottoporsi a una dieta. Secondo gli americani infatti oltre l’80% di coloro che si sottopongono a una cura dimagrante torna al peso iniziale entro due anni, acquistando addirittura, in alcuni casi, anche dei chili in più.

Ma la notizia non deve assolutamente gettare nello sconforto chi sogna da sempre di smaltire definitivamente gli sgraditi chili di troppo. Sempre secondo gli esperti infatti il triste risultato si spiega con la tendenza, insana, a seguire un regime alimentare sano e bilanciato, che permette di conseguire e mantenere il dimagrimento, solo per un periodo determinato di tempo, quello della dieta appunto, mentre più utile sarebbe modificare in maniera radicale e definitiva il proprio stile di vita alimentare, ma non solo.


Mangiare sano infatti non basta: importantissimo anche praticare regolarmente attività fisica, soprattutto se i problemi di obesità e sovrappeso si presentano sin dall’infanzia, poichè questo rappresenta l’unico modo di invertire una tendenza altrimenti inarrestabile. I dietologi e i nutrizionisti mettono poi in guardia dai rischi legati al cosiddetto effetto yo-yo (che porta a riacquistare velocemente il peso smaltito, spesso con grande fatica, durante la dieta) che espone al rischio di sviluppare più facilmente ipertensione, diabete, e malattie cardiovascolari. Al desiderio di dimagrire deve quindi necessariamente accompagnarsi quello di mantenere i risultati evitando accuratamente di tornare alle abitudini errate che avevano condotto al sovrappeso, prima fra tutte la sedentarietà. Sono quindi avvertiti i golosi, i pigri e gli amanti delle diete sprint: alimentazione sana e attività fisica, se non si vuole finire nel vortice del sovrappeso.

[via]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>