Sesso e matrimonio con i robot dal 2050

di Paola 4

Entro il 2050 gli umani potrebbero sposarsi con i robot e avere addirittura rapporti sessuali con le macchine intelligenti.
No, non siamo nella trama di un film alla Intelligenza artificiale, ma nella realtà. E precisamente la realtà prospettata da David Levy, ricercatore esperto di robot dell’Università di Maastricht, in Olanda.

La previsione di Levy, che non manca di suscitare perplessità, è che il Massachussets, a partire dal 2050, sarà il primo Stato a legalizzare il matrimonio tra macchine ed esseri umani.


Lo studioso, che ha appena completato un esauriente rapporto sulla relazione tra uomo e macchina, ha spiegato le motivazioni alla base delle sue futuristiche supposizioni:
Inizialmente il sesso con i robot potrà sembrare una cosa stupida e scomoda ma sarà sufficiente che qualcuno pubblichi commenti del tipo “Ho fatto sesso con un robot ed è stato fantastico” su qualche rivista di successo per ottenere un effetto a catena.

Non vogliamo certo contestare le idee di Levy sull’umanità, paragonata sulla base di queste affermazioni ad un gregge di pecore, il che ci fa credere che l’illustre ricercatore non abbia una gran considerazione del genere umano.
D’altra parte, si sa che l’imitazione tra le masse è un fenomeno molto comune.

L’idea di un rapporto tra l’uomo e le sue creazioni è antichissima, bisogna fare un salto indietro al mito dello scultore greco Pigmalione, innamorato della sua scultura Galatea, alla quale la dea Venere concesse poi il dono della vita.
Questa nozione persiste nei tempi moderni, non solo nei numerosi film di fantascienza che ne hanno fatto un tema topico, ma anche in alcune ricerche.
Circa quarant’anni fa, ad esempio, gli scienziati notarono una certa attrazione tra gli studenti ed Eliza, un programma del computer progettato per porre domande ed imitare uno psicoterapeuta.

Secondo Levy, c’è una certa tendenza degli uomini a creare robot con aspetto sempre più antropomorfo.
Si pensi, ad esempio, che se inizialmente le macchine venivano impiegate nei processi di automazione delle fabbriche, successivamente si passò ad impiegarli come postini, come accompagnatori nei musei, nelle case come aspirapolvere (si pensi al famoso Roomba).
Oggi ci sono addirittura i cani-robot come Aibo della Sony, o gli animali digitali come i Tamagotchi.
Perchè dunque non credere plausibile una naturale evoluzione del fenomeno verso il matrimonio ed il sesso uomo-robot?

Nella sua tesi, “Intimate Relationships with Artificial Partners“, Levy congettura che i robot diventeranno così umani nelle apparenze, nella funzione e nella personalità che molte persone se ne innamoreranno, avranno rapporti sessuali con loro e li sposeranno.
Amore e sesso con i robot, anche se può suonare un po’ strano, sono inevitabili.

Tra le ragioni individuate dagli psicologi alla base dell’innamoramento ci sono le affinità di coppia e di interessi.
Bene, con i robot potrebbero essere facilmente programmabili. Basta litigi e incomprensioni.
E stop anche alle sofferenze di un sentimento non corrisposto. Per scatenare l’attrazione verso di noi basterà un pulsante e il robot cadrà ai nostri piedi! Ma non sarà un po’ troppo noioso e scontato come rapporto?

Riguardo a rendere legale i matrimoni con i robot, Levy pensa che sarà il Massachussets a dare l’inizio alla riforma, perchè è uno tra gli Stati più liberali che esistano, essendo stato all’avanguardia nei matrimoni omosessuali.
Inoltre il Mit (Massachusetts Institute of Technology) è una fonte inesauribile di ricerche e innovazione tecnologica.

Per il sesso, so a cosa state pensando: come si farà tecnicamente ad accoppiarsi con una macchina e a provare piacere?
La soluzione è nell’aggiungere qualche chilo di elettronica in più e maggiori “vibrazioni” ed il gioco è fatto.
D’altra parte, bambole gonfiabili di questo tipo sono già in vendita da molti anni e di recente in Giappone hanno progettato Ema, la fidanzata-robot.

Vogliate crederci o meno, il dottor Levy è convinto che questa sarà la soluzione di numerosi problemi dell”umanità: la prostituzione, gli stupri, la pedofilia e i problemi tra le coppie.
Ma perchè ci saranno ancora delle coppie in carne ed ossa? Che ne pensate, credete realistiche le previsioni di Levy?

Commenti (4)

  1. Già il fare semplicemente sesso è un’attività da robot.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>