Tatuaggi: quanta voglia di vederli sparire!

di Salvina 0

Parallelamente alla voglia di farsi tatuare una farfallina o un dragone sulla pelle, cresce anche la voglia di veder sparire i vecchi tatuaggi. E se la decisione di portare un segno distintivo sul proprio corpo è spesso dettata dal desiderio di sentirsi unici (44%) o di affermare la propria indipindenza (33%), quella di rimuoverlo può dipendere anche da esperienze di emarginazione sociale (25%) o da necessità legate ad un nuovo impiego (38%).

Questi i dati emersi da uno studio condotto negli Stati Uniti (dove evidentemente i fondi per la ricerca non mancano) presso il Texas Tech University Health Sciences Center e pubblicato sulla rivista The Archives of Dermatology. Gli studiosi texani hanno intervistato 196 persone, in prevalenza donne tra i 24 e i 39 anni, che nel 2006 hanno deciso di farsi rimuovere un tatuaggio.

Agli intervistati è stato chiesto di indicare, in un questionario, tanto i motivi che avevano determinato la scelta di fare un tatuaggio, quanto quelli che invece li avevano condotti a farlo rimuovere. Fra questi ultimi anche sentimenti di vergogna in pubblico (57%) e una sensazione di svilimento della propria immagine corporea. In particolare, sarebbero le donne a sperimentare sentimenti di vergogna e imbarazzo e ad esprimere la necessità che il tatuaggio sia fatto in una zona del corpo agevole da nascondere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>