Sembri arrabbiato? Potrebbe essere una sindrome

di Valentina Cervelli Commenta

La chiamano la sindrome della faccia bisbetica. In inglese se possibile suona ancor peggio: è stata infatti soprannominata BRF, Bitchy Resting Face, ed è una particolare condizione che colpisce i lineamenti facciali delle persone, facendole apparire arrabbiate, scontrose e antipatiche anche quando non lo sono.

Non si tratta di uno scherzo, sebbene in molti inizialmente in America, dove il video che vi presentiamo oggi è stato girato, lo abbiano pensato. E’ un vero e proprio problema che molte persone colpite risolvono a colpi di bisturi. Sono sempre di più gli uomini e le donne che ricorrono alla chirurgia estetica per poter sorridere in modo adeguato e non sembrare “odiosi” ogni volta che i propri muscoli facciali sono rilassati.

A quanto pare ad essere colpite in maggiore numero dalla BRF sono le donne, sebbene siano stati segnalati moltissimi casi di uomini affetti da questa condizione. Usiamo questo termine perché si tratta di una serie di coincidenze estetiche che portano le persone ad assumere, quando con i lineamenti a riposo ( e spesso non solo in quel momento, N.d.R.) un aspetto che definire scortese è anche riduttivo. Navigando per i forum specializzati si scopre che moltissime donne in particolare decidono di risolvere il problema, dopo anni di “fraintendimenti” sociali con i proprio coetanei, ricorrendo a delle iniezioni di botox o nei casi più gravi a veri e propri interventi di chirurgia estetica.

Questo video è stato realizzato dal comico statunitense Taylor Orci ed per quanto in modo leggero e simpatico, dà modo a tutti di vedere come questa condizione sia esistente ed in qualche termine “invalidante” nei rapporti sociali per chi ne è colpito. Addirittura l’attrice Anna Paquin di True Blood ha dichiarato di esserne affetta e c’è chi sostiene che anche Kristen Stewart, nota per i film tratti dalla saga di Twilight potrebbe soffrirne. Voi cosa ne dite? Avete la sindrome da faccia bisbetica?

Photo Credit | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>