Blefaroplastica inferiore con Laser CO2? Chirurgo plastico risponde

di Cinzia Iannaccio 0

Richiesta di Consulto Medico
“Buongiorno, Le scrivo per avere informazioni reali sul trattamento inerente all’eliminazione delle cosiddette “borse sotto gli occhi” attraverso una befaroplastica inferiore con l’utilizzo del laser CO2 ultrapulsato. Essendo una parte del volto estremamente delicata e importante la mia domanda è volta a sapere se questo macchinario può provocare danni o è calibrato in modo tale da garantire una sicurezza?Vorrei sottopormi a questo trattamento e sinceramente la mia paura è quella di subire un danno Dottore, la ringrazio.

Specializzazione Chirurgia Plastica
Tipo di Problema befaroplastica inferiore

Risponde il Dottor Luigi Sala, specializzato in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica. Per contatti diretti è possibile visitare il sito Chirurgia Plastica Catanzaro | Dr. Luigi Sala

” Salve, per la correzione dell’inestetismo da Lei citato (borse sotto gli occhi), è necessario sottoporsi all’intervento chirurgico di blefaroplastica inferiore con rimozione chirurgica di parte del grasso “erniato” dalla cavità orbitaria; il laser da Lei citato va benissimo, se utilizzato da mani esperte, per migliorare la qualità della pelle eliminando le rugosità presenti.”

 

>> Leggi qui tutte le risposte del Dottor Luigi Sala

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post su argomenti simili:

La blefaroplastica ovvero nuove tecniche per la chirurgia delle palpebre

Come eliminare le borse sotto gli occhi: cause, rimedi, FOTO

Laser co2 e danni alla pelle del viso

 

 

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive, ricordando quanto segue:

non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>