Forfora, come curarla?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Come curare la forfora? Si tratta di un problema tanto comune quanto fastidioso e spesso imbarazzante, non sempre facile da trattare ed eliminare, caratterizzata da più o meno piccoli pezzi di pelle secca che si sfalda dal cuoio capelluto. Può dare anche prurito, ma non sempre. Come curarla al meglio?

Spesso erroneamente la forfora è vista come il sintomo di scarsa igiene personale. In realtà, anche se lavarsi i capelli con scarsa frequenza rende più evidente il problema, la causa vera non è stata ancora pienamente individuate e risulta essere molto più complessa rispetto al semplice shampoo. Il modo più efficace di tenerla sotto controllo rimane comunque quello di usare shampoo antiforfora, seguendo le istruzioni del dermatologo (che è lo specialista di riferimento). In generale i consigli sono i seguenti:

  • Leggere le indicazioni sul flacone: esistono numerosi tipi di shampoo antiforfora, con diversi principi attivi. Alcuni ad esempio richiedono di lasciare agire il prodotto insaponato sulla testa per almeno 5 minuti prima del rischiacquo, altri invece andrebbero olti subito.
  • Impiegare lo shampoo antiforfora solo due volte a settimana, alternandolo se c’è necessità con un prodotto normale.
  • Se dopo un po non si hanno effetti, passare ad altri principi attivi.
  • Fare attenzione quando si usa uno shampoo antiforfora che contiene catrame di carbone: questa sostanza può scolorire i capelli biondi, grigio o bianco. Inoltre può rendere la pelle del cuoio capelluto più sensibile alla luce solare, quindi è opportuno durante il suo impiego, indossare un cappello quando si è all’aperto.
  • Nella maggioranza dei casi la forfora non richiede l’attenzione medica. Tuttavia, a volte la desquamazione ed il prurito, insieme o meno alla scarsa efficacia di determinati prodotti, possono indicare che che non si tratta di forfora, ma di alcune patologie della pelle come la dermatite seborroica, la psoriasi, le infezioni fungine del cuoio capelluto, o l’eczema.
  • Se si continuano ad avere sintomi dopo aver usato uno shampoo antiforfora, consultare dunque un dermatologo, al fine di stabilire la giusta diagnosi e la cura più adeguata.

 

Fonte: AAd.org

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>