Pelle sana e bella, No all’abuso di alcol

di Tippi 0

L’abuso di alcol non è certamente un toccasana per la salute e a soffrirne sarebbe anche la nostra pelle, soprattutto quella del viso. Secondo una ricerca condotta di recente dalla Dottoressa Gabriella Fabbrocini, docente alla Federico II di Napoli, l’eccesso di alcol può portare all’ acne, una condizione della pelle caratterizzata rossore, papule e pustole. Vediamo insieme perché.

Il vizio del bicchiere si sta diffondendo sempre più tra i giovani, che si ritrovano a fare i conti con i gravi effetti sul fisico come mal di testa, mal di stomaco, capogiri, mal di schiena e insonnia. Ma l’apporto calorico delle bevande alcoliche avrebbe effetti negativi anche sul peso e sulla pelle del viso. Molti ragazzi tra i 15 e i 20 anni con acne resistente ai comuni trattamenti, presenta, infatti, un’elevata percentuale di insulino-resistenza.

Come ha spiegato la dottoressa Fabbrocini:

L’abuso di alcol, che di per sé molto calorico, oltre a portare a un considerevole aumento di peso corporeo causa un peggioramento delle condizioni della pelle e a un aumento della seborrea e di tutte le condizioni ad essa legate come acne, capelli grassi, punti neri, pelle untuosa. L’alcol, inoltre, è epatolesivo e soprattutto negli adolescenti questo si può ripercuotere indirettamente sull’equilibrio idroelettrico dell’organismo.

Ma anche chi soffre di rossori e couperose deve fare attenzione, perché tali condizioni della pelle possono essere aggravate dal tasso alcolico elevato. È chiaro che non si sta parlando del mezzo bicchiere di vino rosso ai pasti.

Ma l’alcol non è l’unica sostanza colpevole dell’invecchiamento cutaneo. A danneggiare la pelle, infatti, contribuiscono i raggi ultravioletti, il fumo di sigaretta, lo stress, l’abuso di farmaci, una dieta troppo ricca di grassi animali e persino lo smog. Negli ultimi anni, infatti, l’aumentata esposizione agli inquinanti e in particolar modo agli idrocarburi ha favorito alcune forme di manifestazioni acneiche.

Come suggerisce la dottoressa Fabbrocini un’alimentazione sana e a basso carico glicemico può migliorare non solo il nostro stato di salute generale, ma anche il grado di infiammazione associato all’acne.

Photo Credit| Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>