La qualità dell’aria ai giochi di Pechino mette a rischio chi soffre d’asma

di Paola 5

Il caldo e l’umidità caratteristici della regione di Pechino sottopongono a dura prova gli atleti, ma anche gli spettatori venuti da ogni parte del mondo per assistere ai giochi.
In special modo coloro che soffrono d’asma devono fare i conti con la scarsa qualità dell’aria.
L’alta esposizione ai fattori inquinanti aggravata dal trasporto rapido del vento provoca non pochi problemi a concorrenti e non, causando disturbi respiratori.

Per scongiurare il rischio di accusare attacchi d’asma, è consigliabile tenere sotto controllo la respirazione con l’esercizio costante, evitando la vita sedentaria.
Lo stesso non vale però per gli atleti, la cui iperattività fisica, è stato dimostrato, aumenta la possibilità di sviluppare forme asmatiche.
Malgrado le autorità cinesi abbiano attuato dei piani per diminuire l’inquinamento nella regione di Pechino, secondo gli esperti il 35% degli agenti inquinanti presenti nell’atmosfera vengono trasportati sullo stadio olimpico da altre zone del Paese, il che rende difficile circoscrivere la zona e creare uno spazio respirabile.
Per evitare di incorrere in misure antidoping, i concorrenti che soffrono d’asma per usufruire senza penalizzazioni dei farmaci appositi e delle inalazioni, devono concordare speciali test di controllo della funzionalità polmonare e ricevere l’autorizzazione dalla Commissione medica olimpica.

Commenti (5)

  1. ci sono poche immagini

  2. non mi e piacciu to

  3. li dovete fare gratis perke la gente a pochi soldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>