Pelle: le regole per mantenere l’abbronzatura

di Cinzia Iannaccio 3

L’abbronzatura ottenuta con tanta fatica durante l’estate inizia a scomparire, lasciando al suo posto una pelle squamata e a chiazze. Ne abbiamo già parlato (qui) spiegandovi come tutto ciò sia dovuto al fisiologico ricambio cellulare dell’epidermide.

Una buona idratazione che arrivi alla cute dalla dieta è fondamentale, come pure quella che arriva dall’esterno attraverso l’utilizzo di prodotti cosmetici. Ma entriamo nello specifico di cosa è giusto fare e cosa meglio evitare per mantenere a lungo l’abbronzatura dorata che ci siamo creati durante le vacanze.

1) I detergenti: scegliete oli, mousse o saponi delicati, che non aggrediscano la pelle, ma che la rendano più morbida. Personalmente prediligoi prodotti per la detersione dei neonati, con particolare riferimento a quelli ricchi di amido!

2) Le creme idratanti e nutrienti: più la pelle è disidratata e più si chiazzerà facilmente. Date “da bere” alla vostra cute, tutte le volte che ne sentite la necessità. Utilizzate però prodotti che siano adatti al vostro tipo di pelle (grassa, secca, mista, delicata, con tendenza alle rughe, ecc.) cercando ovviamente di usare un cosmetico per il viso ed uno per il resto del corpo.

3)L’ aria condizionata: andrebbe decisamente evitata.  Secca l’aria e quindi la pelle. E’ per questo che spesso ci si comincia a spellare subito dopo il ritorno in ufficio (il che aumenta i sintomi della già latente “sindrome del rientro”)! Attenzione inoltre ai viaggi di ritorno in aereo. C’è lo stesso problema: la pelle si secca e le cellule epidermiche cominciano a rigenerarsi prima. Portatevi sempre dietro una cremina idratante, servirà anche per alleviare il fastidio della pelle che tira.

4)L’ abbronzatura artificiale: può aiutare a rimandare la perdita della tintarella. L’importante è che l’utilizzo del lettino abbronzante avvenga secondo i criteri di sicurezza e che non inizi a spellatura avviata. Qualcuno gradisce invece aiutarsi con prodotti autoabbronzanti. Ce ne sono di ottimi in commercio, ma bisogna applicarli bene. Nessuno vi vieta invece di andare ancora al mare specie nei week-end settembrini, di solito belli e con le spiagge poco affollate.

5) Lo scrub: in genere se si è presa un’abbronzatura graduale e protetta non ci saranno grandi ed antiestetici effetti cutanei. Comunque, quando il fisiologico ricambio cellulare è ormai avviato, personalmente mi sottopongo ad uno scrub approfondito, benché non aggressivo. Chiedete al vostro centro estetico di fiducia o cercate qualche prodotto delicato da fare o applicare in casa. Preparerete la pelle alla nuova stagione che si avvicina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>