Dipendenza da formaggio, ecco in cosa consiste

di Valentina Cervelli Commenta

Dipendenza dal formaggio? Oggi vedremo insieme in cosa consiste. Un gruppo di scienziati dell’Università del Michigan ha infatti provato e spiegato come questo cibo possa trasformarsi in una vera e propria ossessione al pari del desiderio che si può provare per le droghe.

Va ammesso che tra tutte le dipendenze delle quali un uomo possa soffrire, quella relativa al formaggio è forse tra quelle che stupiscono di più. Eppure questo alimento è in grado di scatenare nel cervello delle persone gli stessi meccanismi messi in atto dall’assunzione di sostanze stupefacenti. I ricercatori si son accorti di tutto ciò studiando quali fossero gli alimenti dei quali la gente non poteva fare a meno. Ed il formaggio conquistava il primo posto, con maggiori consensi rispetto alla pizza.

Lo stesso desiderio per la pizza, analizzandolo approfonditamente, ha mostrato di essere una “vittima” di questa dipendenza casearia: il suddetto prodotto da forno è amato proprio per via del formaggio che lo accompagna. E non è la tipologia dello stesso e quindi il sapore a scatenare il tutto, ma la caseina, un fattore comune. Questa è la proteina che consente la coagulazione del latte stimolata dal caglio. Il funzionamento della caseina nei confronti del nostro cervello è paragonato a quello che avrebbe una dose di crack: essa ne ha potenzialmente gli stessi effetti. Questa proteina infatti rilascia un oppiaceo chiamato “caseomorfina” che agisce sui ricettori della dopamina e dà vita al classico processo chimico che regola le dipendenze, andando ad agire sul nostro cervello facendogli provare piacere e stimolando le aree della memoria. Ed è per questo motivo che le persone hanno una passione davvero sfrenata, spesso e volentieri, per il formaggio. Se si aggiunge a questo il fatto che talvolta il suo sapore è oggettivamente fantastico, la ricetta per il “disastro” è praticamente servita su un piatto d’argento.

Disintossicarsi? E’ molto difficile in questo caso.

Photo Credits | Yulia Davidovich / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>