Giornata Mondiale contro le tossicodipendenze il 15 ottobre

di Valentina Cervelli 0

Domani verrà celebrata la Giornata Mondiale contro le tossicodipendenze. Un’occasione che nessuno di noi dovrebbe farsi scappare per informarsi e mettersi in guardia contro una vera e propria piaga sociale e sanitaria, diffusa nell’intero globo.

Cocaina, eroina, crack, LSD e tante altre. Sono innumerevoli le droghe che agiscono sul nostro corpo causando allo stesso la dipendenza nei loro confronti. Tutte sostanze che agiscono sul nostro cervello e sull’organismo non solo causando negli esseri umani dei comportamenti sociali inaccettabili, ma soprattutto danni fisici evidenti e spesso con conseguenze letali. Non parliamo solo della possibilità di un overdose, ma anche di malattie cardiache che rischiano di rimanere latenti fino alle loro estreme conseguenze. L’Organizzazione Mondiale della Sanità vuole sottolineare l’importanza della prevenzione di questo problema affrontando in prima istanza quelle che possono essere le debolezze della fascia più a rischio, ovvero quella degli adolescenti e dei più giovani.

Nella Giornata Mondiale contro le tossicodipendenze, è necessario dare spazio in modo particolare all’informazione sulle stesse ed a come fare si che i ragazzi possano comprendere davvero la loro pericolosità. Purtroppo in molti provano perché curiosi, perché spinti da qualcun altro e perché convinti di essere in grado di poter smettere a loro piacimento. Sbagliando su tutta la linea ed aprendo la strada ad un percorso pericoloso per la loro stessa sopravvivenza. Ogni paese ha preparato diversi approcci alla celebrazione di questa giornata. Quello che può fare ognuno di noi è approcciare i propri figli o amici e far comprendere loro, magari grazie anche all’aiuto di un esperto quali siano i rischi che si corrono con l’utilizzo delle sostanze stupefacenti.

E per quanto molto non siano d’accordo è necessario anche tenersi lontano da droghe leggere come la marijuana. Si tratta di una pianta in grado di alterare i sensi di chi la consuma e questo è un lusso che non ci si può permettere,soprattutto se crea danni alle persone attorno a noi.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>