Ellaone, HRA Pharma (ulipristal acetato)

di Valentina Cervelli 0

CATEGORIA: Contraccettivo d’emergenza.

FORMA FARMACEUTICA Ellaone

Compressa da 30 mg contenente ulipristal acetato di forma rotonda ricurva di colore bianco-biancastro, con la scritta “ella” impressa sui lati.

PRINCIPI ATTIVI Ellaone

Ellaone Compresse: 30 mg ulipristal acetato, lattosio monoidrato, Povidone K30, Croscarmellosio sodico, Magnesio stearato.

INDICAZIONI Ellaone

Contraccettivo di emergenza da assumere entro 120 ore dall’avvenuto rapporto sessuale non protetto o dal mancato funzionamento di un precedente metodo anticoncezionale.

PREZZO Ellaone

Una compressa di ulipristal acetato costa 35 euro.

CONTROINDICAZIONI Ellaone

Sensibilità o allergia al principio attivo o agli eccipienti. E’ importante non assumere questo farmaco in concomitanza con un contraccettivo di emergenza a base di levonorgestrel. Allo stesso modo è bene non utilizzare questo metodo se si soffre di asma grave non tenuto sotto controllo farmacologicamente. Bisogna ricordare che in caso di assunzione di pillola anticoncezionale (la cui interazione con ulipristal acetato, non è cagione di problemi, N.d.R.) l’Ellaone potrebbe non mantenere la sua efficacia standard. E’ sconsigliata inoltre l’assunzione di più pastiglie di Ellaone nel corso dello stesso ciclo mestruale perché ancora nessuno studio in materia è stato condotto.

E’ importante ricordare che non sempre si riesce ad interrompere la gravidanza con l’assunzione di Ellaone e per sicurezza, se si hanno dei dubbi sulla sua efficacia, è bene sottoporsi ad un test di gravidanza se le mestruazioni ritardano di oltre 7 giorni rispetto alla data prevista, se si verifica un sanguinamento anomalo o se si sospetta al contrario di essere già incinte. E’ inoltre importante sapere che dopo l’assunzione di Ellaone il ciclo può manifestarsi in anticipo o in ritardo rispetto alla data prevista, partendo dai 7 giorni di anticipo fino ad 20 giorni di ritardo

Ellaone in gravidanza ed allattamento

La sua assunzione è ovviamente sconsigliata in caso di gravidanza, mentre è bene non allattare al seno nelle 36 ore successive al suo utilizzo.

[Fonti principali: EMA – Agenzia Europea del Farmaco]

*Per ulteriori informazioni leggere il foglietto illustrativo. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>