Linfonodi gonfi, quando preoccuparsi?

di Cinzia Iannaccio 0

Richiesta di Consulto Medico su linfonodi gonfi
Salve! Sono una donna di 32 anni, e circa due mesi fa ho notato un gonfiore ai linfonodi retro cervicali. Nel giro di una settimana sembravano essere spariti, ma si sono poi gonfiati di nuovo. Premetto che non mi fanno male, neanche al tatto, e sono comunque piuttosto piccoli. Tuttavia mi preoccupava un po’ questa comparsa per tutto questo periodo, e avendo sempre saputo che normalmente i linfonodi non devono sporgere o sentirsi duri al tatto, ho preferito recarmi dal mio medico per un consulto. Quando mi ha visitato, mi ha riferito che sono piccoli, e che per tale motivo non mi devo preoccupare, perchè è “normale”. Il mio dubbio è, quando bisogna preoccuparsi? Cosa significa che è “normale”, quando normalmente non ho mai avuto questo gonfiore? Non mi ha indicato alcuna terapia, nè la necessità di fare alcun esame, solamente di non toccarli perchè irriterei la zona e contribuirei a farli gonfiare di più. Vorrei avere un altro parere e maggiori informazioni sugli accorgimenti per capire quando va tutto bene e quando bisogna invece prestare attenzione.

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema Linfonodi gonfi quando preoccuparsi?
Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per appuntamenti Email: [email protected] Segreteria cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81. Si prega di utilizzare il numero telefonico ESCLUSIVAMENTE per appuntamenti e non per richieste di ulteriori consulti.

 

SALVE, UN AUMENTO VOLUMETRICO DEI LINFONODI PUò INDICARE UNA SEMPLICE INFIAMMAZIONE; UNA LINFOADENOMEGALIA DESTA PREOCCUPAZIONE SE LA CONSISTENZA DEI LINFONODI è SIMILE AD UN SASSO, SE IL VOLUME SUPERA I 2 CM DI DIAMETRO E SE L’INGROSSAMENTO NON SI RIDUCE NELL’ARCO DI UN MESE, OVVIAMENTE TUTTO CIò VA VALUTATO DA UN MEDICO

CORDIALI SALUTI

 

Leggi anche:

Linfonodi collo ingrossati, tra le cause un tumore?

Linfonodi reattivi, cosa significa e quali le cause?

Linfonodi ascellari gonfi e dolenti: sintomi di tumore?

Linfonodi ingrossati: cause, sintomi e terapie

 

 

Per porre altri quesiti ai nostri specialisti potete visitare la pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive” ed inviare la domanda attraverso il form specifico.

E’ doveroso da parte nostra ricordare e sottolineare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>