Nodulo tiroide vascolarizzato, è un tumore?

di Cinzia Iannaccio Commenta


Richiesta di Consulto Medico

“Al terzo del lobo DX perifericamente ė riconoscibile nodulo solido ipoecogeno con diametro 6mm dotato di segnale vascolare sia periferico che intrinseco meritevole di valutazione citologica o follow up ecografico. A livello istmico DX ė apprezzabile area con morfologia nodulare, ipoecogena con profili sfumati di 4mm. Trovati atri 3 noduli ma di poca importanza. Vi prego rispondetemi sono terrorizzato ho paura che sia un tumore“.

 


Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema Nodulo tiroideo

 

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Email: [email protected] cell. 3458092414. Per leggere le sue precedenti risposte ed interviste: Dottor Mario Francesco Iasevoli.

 

 

“Salve , il riscontro di piccoli noduli nella ghiandola è un reperto molto comune per la consistenza stessa del tessuto che tende a formare piccole nodulazioni. Penso che lei sia preoccupato per quel nodulo vascolarizzato che l’ecografista consiglia di valutare con esame istologico. La presenza di vascolarizzazione periferica e interna al nodulo è di per sè anche essa frequente poichè la ghiandola è altamente vascolarizzata. Le dimensioni attuali non destano particolari allarmismi e tecnicamente viste le dimensioni sarebbe anche difficile effettuare un agoaspirato che permetta di estrarre una quantità sufficiente di materiali tale da avere una diagnosi certa. Le consiglio controllo ecografico a tre mesi per valutari eventuali modifiche volumetriche. Per ora può stare tranquillo ma deve comunque controllarsi. Si faccia seguire da uno specialista che le potrà dare tutte le informazioni del caso”.

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive, ricordando quanto segue:

non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>