Panipopituarismo e perdita di peso

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico
Buonasera, nel 2002 sono stata operata per craniofaringioma (con conseguente panipopituarsmo ndr.) e da allora assumo cortisone e compresse per la tiroide (tra cui il valore di TSH è molto basso 0.006). Come mai non riesco a perdere peso pur facendo attività fisica e avendo un’alimentazione adeguata?

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema Panipopuitarismo e perdita di peso

 

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per appuntamenti Email: [email protected] Segreteria cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81. Si prega di utilizzare il numero telefonico ESCLUSIVAMENTE per appuntamenti e non per richieste di ulteriori consulti.

 

 

Salve, bisognerebbe valutare la funzionalità ovarica e surrenalica poichè in chi ha questa patologia si possono alterare ormoni che poi rallentano il metabolismo, inoltre il cortisone non è come il cortisolo endogeno e porta maggior accumulo di liquidi e resistenze perfieriche alla perdita di grasso; anche per la dieta deve farsi seguire da uno specialista che conosce tale patologia ed inoltre rivalutare la situazione e la terapia; il suo TSH soppresso non è determinato dal dosaggio elevato di ormoni tiroidei ma dal fatto che il suo corpo non ne produce più e quindi nel suo caso vanno valutati ft3 e ft4

Cordiali saluti

 

Leggi anche:

Tsh basso, nonostante l’eutirox, è la menopausa? | MedicinaLive

 

 

Per porre altri quesiti ai nostri specialisti potete visitare la pagina “Chiedi all’esperto, Consulti online su Medicinalive” ed inviare la domanda attraverso il form specifico.

E’ doveroso da parte nostra ricordare e sottolineare che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>