Rallentamento crescita ragazzo ed età ossea

di Cinzia Iannaccio 0

Richiesta di Consulto Medico
Mio figlio ha 16 anni ed è alto 165 cm, in un anno è cresciuto di due cm appena, l’endocrinologo che lo ha visitato non ha riscontrato problemi specifici e per scrupolo mi ha fatto fare Rx polso sinistro per età ossea e Rx ginocchio. È risultata un’età ossea pari a 9 anni! Mentre le cartilagini del ginocchio risultano calcificate. Non ha ancora la barba ma solo peluria su baffi e mento. Sono un po’ preoccupata per l’età ossea. Vorrei avere un vostro parere. Grazie

Specializzazione Endocrinologia e malattie metaboliche
Tipo di Problema rallentamento della crescita ed età ossea
Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per contatti diretti Email: [email protected] cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81.

 

Salve, l’età ossea di suo figlio e l’assenza di caratteri sessuali sviluppati indicano che ancora deve avere uno sviluppo puberale completo, ma si trova solo in una fase iniziale; ciò non deve allarmarla poichè ognuno ha i suoi tempi di sviluppo; ed è un vantaggio perchè ha ancora una elevata potenzialità di crescita staturale. Il consiglio è di aspettare circa un anno, se non dovesse vedere cambiamenti allora la cosa va approfondita con esami ormonali e valutata da un endocrinologo auxologo. Cordiali saluti

 

>> Leggi qui tutte le risposte del Dottor Mario Francesco Iasevoli

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Deficenza dell’ormone della crescita

Crescita ragazzi in altezza a 17 anni, quali terapie?

 

Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>