Artrosi cervicale, i rimedi fitoterapici e omeopatici

di Redazione 0

L’artrosi cervicale è un disturbo a carico delle vertebre del collo, che colpisce indistintamente uomini e donne, ed è spesso il frutto di posture errate, sedentarietà, sport traumatici, attività lavorativa particolarmente pesanti, o anche in seguito ad un trauma dovuto ad un incidente stradale. L’artrosi cervicale a lungo andare rischia di peggiorare, ed è importante intervenire per tempo.

I principali sintomi dell’artrosi cervicale sono:

  • Rumore nelle rotazioni del collo (definito “sabbia nel collo”)
  • Difficoltà nei movimenti di estensione, rotazione e flessione
  • Dolore alla parte inferiore del cranio e/o alle spalle e lungo le braccia
  • Vertigini
  • Emicrania
  • Nevralgia del trigemino
  • Riduzione della forza

Artrosi cervicale: rimedi fitoterapici

Per trattare l’infiammazione esistono diversi rimedi naturali, che hanno un effetto analgesico, quali:

  • Artiglio del diavolo. È una pianta nota per le sue proprietà antinfiammatorie e analgesiche, confermate anche da numerosi studi in vitro sull’uomo. In caso di artrosi, il dosaggio consigliato è di 200 mg di estratto secco in capsule 2-3 volte al giorno. Il trattamento può essere seguito per 2 mesi, successivamente è necessario interrompere la cura.
  • Ribes nero. Anche questa pianta è nota per le sue proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche e anti-allergeniche. In caso di artrosi è consigliata la tintura madre nella dose di 30 gocce, o il alternativa il macerato glicerico nella misura di 50 gocce da diluire in poca acqua 3 volte al giorno per 2 mesi.

Artrosi cervicale: rimedi omeopatici

Anche l’omeopatia offre dei rimedi per trattare l’infiammazione quali:

  • Actaea racemosa. È consigliata alla 5 CH nella dose di 5 granuli ogni 4 ore.
  • Bryonia. È consigliata alla 7 CH nella dose di 5 granuli ogni 2 ore.

Al di là dei rimedi naturali e omeopatici, la prevenzione riveste un ruolo molto importante. È fondamentale, infatti, mantenere uno stile di vita quanto più possibile sano, e cercare di tenere una postura corretta, non solo quando ci si siede o si cammina, ma anche negli ambienti di lavoro. Inoltre, se si resta molto tempo seduti è utile fare una breve pausa di tanto in tanto, e fare un po’ di stretching “da ufficio”.

Photo Credits|ThinkStock

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>