Come depurare il pancreas dopo le feste di Natale

di Tippi 1

Il pancreas, deputato alla digestione degli alimenti e alla regolazione degli zuccheri nel sangue, è un organo molto delicato e mal sopporta gli eccessi alimentari, fisici ed emotivi. Durante le feste di Natale, complice l’atmosfera “festaiola”, è facile esagerare con il cibo e l’alcol, ma a pagarne le conseguenze sono lo stomaco, i reni e l’intestino, che affaticati non riescono a svolgere il loro lavoro al meglio permettendo alle tossine di circolare indisturbate nel nostro organismo.

Come depurare il pancreas con i rimedi naturali

Olio essenziale di arancio: viene estratto con il metodo della spremitura a freddo della scorza ed è noto per le sue proprietà antispasmodiche e digestive. Si può assumere per via orale, nella misura di 1 goccia in 1 cucchiaino di miele, seguito da una tazzina di acqua calda o di camomilla. Per uso esterno, è indicato per fare massaggi e suffumigi. Diluendo 5 gocce in 1 cucchiaio da tavola di olio di mandorle dolci o di germe di grano si ottiene una miscela con cui massaggiare lo stomaco, con movimenti lievi dei polpastrelli. Anche i suffumigi (inalazioni di vapore) possono dare sollievo al pancreas sovraccaricato, basta sciogliere qualche goccia di olio essenziale d’arancio in una bacinella d’acqua calda, coprire la testa con un asciugamano, e inalare profondamente.
Cardo mariano: è una pianta nota per il suo potere disintossicante e per la sua azione epatoprotettiva, merito della silimarina, un insieme di principi attivi alleati per il fegato. Generalmente si utilizza l’estratto secco titolato in silimarina minimo all’1%. Se ne assumono 600-1200 mg al giorno suddivisi in 2 somministrazioni lontane dai pasti.

Consigli per non affaticare il pancreas durante le feste

  • Limitare il consumo di bevande alcoliche, preferendo il consumo durante i pasti principali;
  • Moderare il consumo di fritture e di grassi saturi contenuti soprattutto nei latticini, nella margarina e nelle carni grasse;
  • Moderare il consumo di cibi affumicati, grigliati o bruciacchiati;
  • Evitare diete fai da te dell’ultimo minuto.
Photo Credit|ThinkStock

Commenti (1)

  1. Ma quando spiegherete come si fa la spremitura a freddo? Grazie per le informazioni qui presenti. Molto interessanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>