Coumadin (Warfarin) effetti collaterali

di Cinzia Iannaccio Commenta

Il Warfarin (nome commerciale Coumadin) è un anticoagulante e come è facile immaginare l’effetto collaterale principale è dovuto ad eccessivo sanguinamento con rischio di emorragia se non si assumono i corretti dosaggi. Tale rischio è inoltre diverso a seconda degli individui e maggiore nelle prime settimane di terapia o durante eventuali periodi successivi di malattia. Il sanguinamento non è comunque l’unico effetto collaterale possibile benché in generale si tratti di un farmaco ben tollerato.

Effetti collaterali Warfarin /Coumadin: sanguinamento eccessivo

In generale, il rischio di emorragia interna si attesta tra l’1 ed il 3 % annuo; coloro che lo tollerano bene per almeno sei mesi e che hanno individuato un dosaggio standard hanno un richio più basso. Il sanguinamento eccessivo o l’emorragia possono verificarsi in qualsiasi zona del corpo, ed i pazienti con terapia con warfarin dovrebbero segnalare al proprio medico eventuali cadute o incidenti, così come i segni o i sintomi di un sanguinamento, comprese le ecchimosi. I segni di sanguinamento insolito includono: sangue dalle gengive, nelle urine, nelle feci (che si possono presentare scure), dal naso o vomito con sangue. Il rischio aumenta con l’aumento dell’ INR, il cui monitoraggio dunque diventa particolarmente necessario: occorre rimanere nei range raccomandati e per questo può essere utile aggiustare di volta in volta i dosaggi.

 

Altri effetti collaterali del Warfarin (Coumadin)

Il Warfarin può anche causare un effetto collaterale raro: la necrosi della pelle o cancrena, che può causare zone rosse o scure sulla pelle. Questa complicanza è più probabile in pazienti con un disturbo chiamato deficit della coagulazione di proteina C ereditario. Quando c’è questo disturbo, l’effetto collaterale si manifesta sin dai primi giorni di terapia. Chiamare immediatamente il proprio medico curante se si manifesta un’emorragia evidente o nei seguenti casi:

 

● nausea persistente, disturbi di stomaco o vomito di sangue o altro materiale che assomiglia a fondi di caffè

● mal di testa, vertigini, o debolezza

● sangue dal naso ricorrente o che non si ferma

● Sangue rosso o scuro nelle urine

● sangue nelle feci

● dolore, gonfiore, o la pelle nera e viola (lividi)

● Una grave caduta o la testa ferita, anche se non ci sono altri sintomi

 

E ‘anche importante per informare il medico nei seguenti casi:

● Sanguinamento delle gengive dopo la spazzolatura dei denti

● gonfiore o dolore in un sito di iniezione

● sanguinamento mestruale eccessivo o sanguinamento tra i periodi mestruali

● diarrea, vomito, o l’impossibilità di mangiare per più di 24 ore

● febbre (temperatura superiore a 38 ° C), che potrebbe essere un segno di infezione che possa alterare l’INR

● in caso di incidente stradale o altra possibile lesione che possa aver provocato un’emorragia interna

● se il medico prescrive un nuovo farmaco in quanto alcuni possono interagire negativamente con il warfatin. Lo stesso dicasi per integratori e rimedi naturali: evitare il fai-da-te.

E ‘importante ricordare che il warfarin è preso per ridurre il rischio di una condizione di coagulazione, come ad esempio una trombosi venosa profonda (TVP), un’embolia polmonare (EP), o ictus. Se uno o più di questi sintomi si sviluppa, il paziente deve consultare immediatamente un medico.

 

 

Leggi anche:

Anticoagulanti, dieta e cibi da evitare | MedicinaLive

Fibrillazione Atriale | MedicinaLive

Nuovi Anticoagulanti Orali, ora c’è l’antidoto per le emergenze …

Cos’è il Warfarin e a cosa serve

 

 

 

Foto: Thinkstock

Fonte: UpToDate.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>