Emivita di un farmaco, che significa?

di Cinzia Iannaccio Commenta

Cosa si intende quando si parla di emivita di un farmaco? Con tale termine si intende il tempo necessario affinché la quantità di un determinato medicinale in circolo venga assorbito e si riduca fino alla metà. Questo dipende dal tipo di principio attivo e da come il singolo organismo reagisce: può variare da qualche ora ad alcuni giorni e non dipende dal dosaggio.

Perché è importante conoscere l’emivita di un farmaco?

E’ un dato importante per stabilire e stabilizzare i piani terapeutici, ed è fondamentale laddove si assumono terapie che se sospese possono dare effetti negativi, come nel caso dei farmaci  psichiatrici (antidepressivi ad esempio) .

In caso di emivita breve ad esempio di un antipsicotico, si possono avere maggiori disturbi da astinenza.

L’emivita di un farmaco infine, non è una cifra valida sempre: può variare anche di molto da individuo ad individuuo in base alla capacità dell’organismo di assimilarlo ed espellerne gli eccessi.

 

 

Leggi anche:

Farmaci ACE inibitori cosa sono? | MedicinaLive

Farmaci generici: sciogliamo i dubbi sulla loro efficacia …

 

 

 

Fonte: Mind. Org

Photo Credit| Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>