La diagnosi la farà il naso

di Salvina 0

Sembra proprio che tra breve sarà possibile avere un quadro preciso del nostro stato di salute e sapere se si è affetti da qualche patologia attraverso un esame laser dell’alito. Ricercatori dell’università statunitense di Boulder nel Colorado, in collaborazione con i colleghi del National Institute of Standards and Technology (NIST), hanno infatti creato uno strumento laser in grado di rilevare la presenza nel nostro respiro di specifici componenti il cui accumulo nell’organismo può essere indice di uno stato di malattia. La ricerca che ha condotto alla messa a punto di questo nuovo e rivoluzionario ritrovato tecnologico, descritto sulla rivista Optical Express, è stata coordinata dal dottor Jun Ye.

Si tratta di uno speciale laser a frequenza ottica in grado di individuare e distinguere nell’alito la presenza di diverse combinazioni di molecole cui corrispondono altrettante patologie, anche quando la loro concentrazione è molto bassa. Fino ad ora i test di laboratorio, svolti su alcuni studenti volontari, hanno preso in considerazione l’ammoniaca, dannoso materiale di scarto che si accumula nell’organismo in caso di patologie dei reni, che non riescono a smaltirla attraverso l’urina, il metano e il monossido di carbonio, prodotti quando si è affetti da alcuni tumori , e il dimetil-chetone, che a concentrazioni elevate da luogo alla cosiddeta acetonemia (o chetonemia), condizione che può essere associata al diabete mellito .


La sperimentazione è comunque solo all’inizio e i test futuri si concentreranno sulla possibilità di rilevare attraverso il naso laser, come è stato subito ribattezzato, le esalazioni di metilammina, prodotta in caso di problemi epatici , e di ossido nitrico sostanza legata all’asma e per la cui misurazione è attualmente in commercio un analizzatore dotato di un sensore elettro-chimico. Secondo Jun Ye lo strumento rivoluzionerà la diagnostica del futuro permettendo di rilevare in un unico esame un gran numero di patologie in maniera più veloce ed economica di quanto non avvenga attualmente attraverso le tradizionali analisi del sangue e delle urine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>