Pressione alta i rischi per la salute

di Cinzia Iannaccio Commenta

Controllare la pressione sanguigna è di fondamentale importanza. L’ipertensione è infatti un “killer silente” che non provoca sintomi evidenti e nel frattempo danneggia l’apparato cardiovascolare ed altri organi vitali. Ecco cosa occorre sapere sui rischi della pressione alta e le conseguenze se non viene trattata.

Conseguenze dell’ipertensione sul breve e lungo termine

La pressione alta può persistere nel nostro organismo per anni senza che ce ne rendiamo conto. E’ facile immaginare (ma mai ci soffermiamo a fare queste riflessioni) quanto una continua eccessiva pressione del sangue possa influire sul cuore e sulle arterie:  pensiamo ad esempio ad un palloncino che venga gonfiato ripetutamente quasi fino a farlo scoppiare. Anche se non esplode mai, la sua consistenza diventa sicuramente diversa rispetto ad uno nuovo, sarà più sottile, meno elastico, più largo, più fragile. Ebbene è in qualche modo ciò che accade alle nostre arterie in caso di pressione arteriosa elevata o con continui sbalzi. I danni alle arterie- come le coronarie o l’aorta-e al cuore possono avere conseguenze gravi, con un’influenza negativa anche su altri organi. E’ il caso della perdita della memoria o anche dell’accumulo di liquido nei polmoni, ma non solo: i pericoli maggiori e più frequenti dell’ipertensione sono i seguenti:

Rischi e danni cardiovascolari della pressione alta

L’ipertensione può provocare un attacco di cuore, insufficienza cardiaca, aneurisma dell’aorta, aterosclerosi ed altre pericolose condizioni. Questo perché quando la pressione del sangue è alta, tende a spingere sulle pareti vascolari, fino a renderle più sottili, larghe, incontinenti.

 

Ictus e pressione alta

Poichè l’ipertensione può colpire anche i vasi sanguigni del cervello, l’ictus rientra tra gli altri pericolosi rischi di tale condizione. Si parla di ictus emorragico quando un vaso si rompe e fuoriesce del sangue, mentre con il termine di ictus ischemico si fa riferimento ad un danno provocato da un coagulo di sangue che lo ostruisce. In entrambe i casi non arriva ossigeno arrecando danni spesso gravi se non mortali.

 

Pressione alta e rischio per i reni

La pressione alta è la seconda causa principale di insufficienza renale: reni e apparato cardiovascolare sono strettamente connessi.

 

Pressione alta e perdita della vista

Questa patologia può colpire anche i vasi sanguigni degli occhi, compromettendo la vista.

 

Disfunzione erettile ed ipertensione

I danni possono colpire anche i vasi sanguigni dell’apparato riprodutttivo maschile provocando disfunzione erettile. Questo perché senza un adeguato afflusso di sangue ed ossigeno, l’erezione diventa impossibile o difficile.

 

Pressione alta ed infarto

Un infarto (o attacco cardiaco) si ha quando in un’a o più arterie coronarie si blocca o riduce il flusso di sangue. Anche questo è un rrischio dovuto all’azione silente, nel tempo, dell’ipertensione.

 

Malattia delle arterie periferiche

La Malattia periferica arteriosa (PAD) comporta un restringimento delle arterie delle gambe, dello stomaco, braccia e testa: è simile ad una coronaropatia ed entrambe le condizioni sono favorite dalla pressione alta.

 

Leggi anche:

 

Cibi contro la pressione alta

Pressione alta e colesterolo, 5 sintomi da non sottovalutare

 

 

Foto: Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>