Risonanza magnetica mammaria, significato referto

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su Risonanza magnetica mammaria, significato referto
“Salve, scrivo per un problema sorto a mia mamma dopo una risonanza magnetica mammaria con e senza contrasto. Diagnosi: ghiandola bilateralmente in avanzata involuzione fibro-adiposa. A dx, in regione retroareolare con estensione al QSE-UQS, presentearea di addensamento parenchimale nel cui contesto sono presenti piccole formazioni cistiche. Dopo contrasto e.v.a tale livello si evidenziano piccole areole di patologica impregnazione, con curve A/T a rapida ascesa, con caratteristiche sospette per patologia eteroplasica. Necessaria tipizzazionemediante ago-biopsia percutaneaa eco-guidata. Cosa mi consiglia? Secondo lei e’ qualcosa di grave? Cordiali saluti”.

 

Risonanza magnetica mammaria, significato referto

Specializzazione Oncologia
Tipo di Problema Risonanza magnetica mammaria, significato referto

 

Risponde il Prof. Carlo Pastore oncologo e chemioterapista, consulente per l’area oncologica e per l‘ipertermia capacitiva per l’Hilu Medical Center (Marbella, Spagna) e presso il Centro di Medicina Integrativa in Malaga (Spagna), nonché responsabile della divisione di oncologia medica ed ipertermia oncologica della Casa di Cura Villa Salaria in Roma, membro dell’ESHO (European Society for Hyperthermic Oncology). Per contatti diretti www.ipertermiaitalia.it

 

Gentile Utente, la RMN rileva una area di tessuto sospetta. Occorre, come consigliato dal Collega radiologo, eseguire un prelievo di tessuto (agobiopsia) per avere determinazione istologica. Con quel risultato si comprenderà l’entità della problematica e come proseguire se necessario. Cari saluti ed in bocca al lupo per tutto

Prof. Carlo Pastore, oncologo – www.ipertermiaitalia.it

 

 

Per altri vostri quesiti compilate il form ed inviate la vostra richiesta:

“Chiedi all’esperto: Consulti Online su Medicinalive”

Si ricorda che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock