Carie: spray al bicarbonato efficace?

di Valentina Cervelli 2

Le carie rappresentano senza dubbio uno dei problemi maggiori dei nostri denti. Molto dipende anche dalla tipologia di cibi che mangiamo e dalla capacità di conduzione di un’ottima igiene orale. Ora uno spray al bicarbonato in arrivo promette miracoli nella lotta alla problematica. Ma sarà vero?

Partiamo da un presupposto che deve essere chiaro a tutti coloro che vogliono avere una dentizione perfetta e priva di problemi o patologie: l’igiene orale deve venire prima di tutto. Quindi spazzolino, scovolino e filo interdentale devo essere considerati irrinunciabili.  E’ per questo che lo spray al bicarbonato già disponibile nelle farmacie sembra non convincere gli esperti, che nelle persone di Gian Marco Abbate, e Giada Colangelo del Dipartimento Scienze chirurgiche e morfologiche, del corso di laurea in Igiene dentale, hanno condotto una ricerca, pubblicata sulla rivista di settore “Rivista italiana igiene dentale” sugli effetti e sulle capacità di pulizia dentale e prevenzione di carie del suddetto ritrovato. O meglio, di certo non puà essere considerato la panacea di tutti i mali, quanto qualcosa da utilizzare quando non si ha la possibilità di lavarsi i denti normalmente. Spiegano i ricercatori:

Ogni volta che mangiamo o beviamo qualcosa, nella nostra bocca il Ph si abbassa per la fermentazione dei carboidrati da parte dei batteri presenti sulle superfici dentarie, con perdita di tessuto minerale del dente. Ripetuta e protratta nel tempo, provoca carie ed erosione dentale, anche senza causa batterica.

Lo spray quindi, formato da bicarbonato di sodio, xilitolo, politoli, acido ialuronico ed eccipienti può essere uno strumento coadiuvante per dare al dente un minimo di protezione in attesa della pulizia, favorendo il mantenimento dello strato di smalto del dente. Insomma, tutti gli studiosi sono concordi sul fatto che possa rappresentare un aiuto, magari anche valido, ma di certo non la soluzione. Per evitare parodontiti e carie bisogna combattere prima di tutto l’accumulo di placca. Ed il miglior modo di farlo rimane sempre la pulizia dei denti con spazzolino, dentifricio ed affini.

Photo credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>