Mock up per trattamenti estetici dentali: protocollo e materiali

di Redazione Commenta

Sempre più persone si rivolgono all’odontoiatra per migliorare l’aspetto estetico del loro sorriso. La bravura dell’odontoiatra si vede anche qui: sapere interpretare il desiderio del paziente, capire quali interventi sono fattibili e quali no e, se possibile, tradurli in realtà. Generalmente, i pazienti che si rivolgono allo studio odontoiatrico per esigenze estetiche sono particolarmente motivati, ma anche molto esigenti.

 foto da Pixabay.com

Per questo motivo, prima, durante e dopo la terapia è importante che l’odontoiatria riporti al paziente informazioni sempre precise e corrette sulla cura, per trasmettere comfort dall’inizio alla fine del trattamento. Quella comunemente chiamata mock up è una procedura particolarmente utile in questo senso: consente al paziente di valutare immediatamente quale sarà il risultato della terapia volta a migliorare l’aspetto del suo sorriso. Tutto questo, prima  ancora di intraprendere il trattamento: la possibilità di verificare i risultati in anticipo rappresenta un grande vantaggio sia per il paziente che per il professionista.

Il provvisorio, quando eseguito a regola d’arte, costituisce il modello su cui realizzare una faccetta definitiva perfetta. Deve sia garantire integrità a livello di contorno, sia diminuire drasticamente la possibilità di dover intervenire con modifiche prima della cementazione provvisoria.

Per realizzarlo si utilizza solitamente un’apposita resina per provvisori dentali, o in alternativa polietilene o resine composite in bis-acrilato e uretano dimetilacrilato. Per le riabilitazioni estetiche sono utilizzate anche resine capaci di polimerizzare in maniera auto – foto, particolarmente efficaci ed utili per realizzare un provvisorio diretto alla poltrona.

Il mock-up per trattamenti estetici, oltre che in laboratorio, può essere realizzato direttamente alla poltrona, a partire dall’impronta della creatura diagnostica, che ci si prefigge di replicare a fine trattamento. In questo modo, il paziente può valutare con anticipo il risultato previsto e chiedere eventuali modifiche.

Il protocollo del mock- up diretto prevede la realizzazione dell’impronta in silicone della ceratura diagnostica, nella quale si inserisce la resina (autopolimerizzante, fotopolimerizzante o entrambe). Dopo la calzata in bocca si rimuovono eventuali eccessi, per poi passare alla rifinitura una volta che il materiale è indurito. Se paziente e professionista sono soddisfatti del risultato, si procede come previsto con il trattamento prospettato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>