Trapianto di capelli: determinante informarsi su tecniche, strutture e costi

di Daniele Pace Commenta

Proviamo a conoscere meglio un modo più articolato di quanto si possa immaginare

La perdita dei capelli può generare una sensazione di disagio e sconforto nelle persone che vedono diradarsi la chioma. Il ricorso immediato all’uso di prodotti medicali, ed articoli sanitari affidabili, per limitare la caduta, non sempre si rivela efficace, e in determinati frangenti non è per nulla risolutivo anche sul lungo corso.

Quando le soluzioni alle quali ci si è affidati non hanno arginato la perdita di capelli, non resta che sottoporsi ad un attento controllo medico, una visita specialistica per scoprire dapprima le reali ragioni della caduta e, contestualmente, trovare la cura più efficace. Laddove nessuna cura è in grado di sortire l’effetto anticaduta desiderato si può trovare conforto in una soluzione estrema e duratura come quella del trapianto.

Trapianto di capelli

Chi non si accontenta di un look che prevede la rasatura radicale dei capelli,  ma non ama neppure il classico riporto, démodé e spesso antiestetico, considera percorribile il ricorso alla chirurgia e all’autotrapianto.

Trapianto: che cosa c’è da sapere, tutte le informazioni utili

Fra le informazioni utili in tema di trapianto è bene sapere come funziona questa tipologia di intervento, quali sono le tecniche più innovative, quali i centri specializzati all’avanguardia, e non ultimo i costi da sostenere.

Il trapianto, o le più attuali soluzioni di autotrapianto, garantiscono risultati definitivi grazie ad un intervento chirurgico vero e proprio, realizzato da un’equipe di specialisti, che opera in sicurezza e con strumenti di precisione tecnologicamente avanzati. L’intervento considera l’asportazione di un determinato numero di bulbi piliferi e il successivo impianto nelle zone dove la presenza dei capelli è diradata o assente.

Optando per una soluzione come quella del trapianto di capelli è bene sapere che esistono cliniche all’avanguardia in grado di trattare i pazienti nella maniera opportuna. Non sempre i costi di intervento sono proibitivi. I prezzi bassi non sono necessariamente sinonimo di scarsa qualità.  Prova ne è la presenza di cliniche specializzate in Turchia, dove le strutture vantano elevati standard di qualità, sono sicure e offrono un ottimo livello di assistenza ed efficacia negli interventi. Per saperne di più vedi qui il costo del trapianto di capelli.

FUE e FUT: le tecniche chirurgiche più innovative

In questo specifico settore della chirurgia si sono affermate essenzialmente due tecniche di intervento, la FUE (Follicular Unit Extraction) e la FUT, conosciuta anche come tecnica STRIP. A differenziare le due tecniche sono le modalità con cui si procede all’asportazione dei bulbi piliferi e del cuoio capelluto da una zona sana e in salute, all’area dove i capelli sono assenti o diradati. Ad assimilarle sono invece i tempi medi d’intervento, che si aggirano intorno alle 5 ore, e l’esecuzione attraverso una semplice anestesia o sedazione locale.

Il metodo FUE è al momento la tecnica più avanzata e di successo nel settore dei trapianto di capelli in tutto il mondo. Fra i pregi è bene considerare che l’intervento non necessita di tagli lineari, non lascia cicatrici, è indolore e soggetto a sola anestesia locale, vanta tempi di recupero rapidi e offre risultati naturali e duraturi. La zona trattata, così come quella donante, non è soggetta a perdita di sensibilità. Il metodo inoltre si rivela perfetto per trapianti di barba, baffi e ciglia.

Entrando nel merito con il metodo FUE si procede alla rimozione delle unità follicolari in salute, che contengono da 1 a 4 capelli, per essere applicate con microscopiche incisioni nell’area da trattare. I risultati che si ottengono rispettano i canoni estetici e risultano decisamente naturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>