Tendinite: un sollievo arriva dal curry

di Marco Mancini 1

Un derivato della comune spezia indiana denominata curry potrebbe offrire una nuova speranza per chi soffre di tendiniti dolorose, secondo un team di ricerca internazionale. In un articolo che sarà pubblicato sul Journal of Biological Chemistry, i ricercatori dell’Università di Nottingham e della Ludwig Maximilians University di Monaco di Baviera hanno dimostrato che la curcumina, che dà alla spezia curcuma il suo colore giallo brillante, può essere usata per sopprimere i meccanismi biologici che innescano l’infiammazione nelle malattie dei tendini.

Il dottor Ali Mobasheri della scuola dell’Università di Medicina Veterinaria e Scienze, che ha co-condotto la ricerca, ha dichiarato:

La nostra ricerca non è che suggerisce che il curry, la curcuma e la curcumina sono cure per condizioni infiammatorie come tendinite e artrite. Tuttavia, crediamo che potrebbe offrire agli scienziati un nuovo importante indizio nel trattamento di queste condizioni dolorose attraverso la nutrizione. Ulteriori ricerche sulla curcumina, e le sue versioni chimicamente modificate, devono essere oggetto di future indagini e terapie complementari volte a ridurre l’uso di farmaci anti-infiammatori non-steroidei, gli unici farmaci attualmente disponibili per il trattamento delle varie  forme di tendiniti e di artrite.

I tendini, le “corde” del tessuto connettivo fibroso che uniscono i muscoli alle ossa, sono essenziali per il movimento, perché trasferiscono la forza della contrazione muscolare alle ossa. Tuttavia, essi sono soggetti ad infortuni, in particolare negli atleti che li mettono molto sotto stress, provocando spesso delle tendiniti, una forma di infiammazione del tendine, che provoca dolore e mollezza vicino alle articolazioni ed è particolarmente comune nelle spalle, gomiti, ginocchia, anche, tacchi o polsi. Altri esempi di malattie del tendine comuni includono il gomito del tennista e del golfista e la tendinite di Achille.

Inoltre si è scoperto che la condizione è legata ad malattie artritiche e reumatiche come l’artrite reumatoide o malattie metaboliche come il diabete. L’unico trattamento è quello di alleviare il dolore e ridurre l’infiammazione tramite medicine cosiddette FANS, come l’aspirina o l’ibuprofene. Nei casi più gravi di lesioni tendinee, iniezioni di steroidi possono essere fatte direttamente nella guaina tendinea per controllare il dolore e permettere di iniziare la terapia fisica.

Tuttavia, i FANS e gli steroidi sono associati ad effetti collaterali indesiderati, come ulcere allo stomaco, nausea, vomito, bruciore di stomaco, mal di testa, diarrea, stipsi, sonnolenza e stanchezza. Di conseguenza, c’è un bisogno urgente di nuove terapie con minori effetti collaterali debilitanti. Questa ultima ricerca sui centri della curcumina potrebbe essere una soluzione, visto che questa sostanza è stata usata per secoli nella medicina tradizionale indiana e ayurvedica come agente anti-infiammatorio e rimedio per i sintomi relativi alla sindrome dell’intestino irritabile e altri disturbi.

Più di recente, alcuni studi hanno collegato la curcumina al trattamento dell’artrite e di una serie di malattie reumatiche e, potenzialmente, anche come agente che uccide direttamente le cellule tumorali o le rende più sensibili alla chemioterapia e radioterapia. Nello studio in esame, basato sull’osservazione in merito alle infiammazioni e alle malattie degenerative, i risultati hanno mostrato che l’introduzione nel sistema di curcumina inibisce l’innesco e l’ulteriore peggioramento delle infiammazioni.

Il curry per combattere l’Alzheimer
Gomito del tennista: allenarsi con sostegni ergonomici guarisce più delle medicine
La ricetta del pollo al curry: India ma non troppo

[Fonte: Health24]

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>