Distacco di retina, conseguenze e terapie

di Redazione 0

La retina, normalmente, è aderente alla superficie interna dell’occhio, quando però si verifica una rottura la retina può distaccarsi e “accartocciarsi” e non è più grado di trasmettere l’immagine, tramite il nervo ottico, al cervello. La visione, così viene compromessa. Il distacco di retina è un evento abbastanza raro, tuttavia colpisce con maggior frequenza le persone intorno ai 50 anni, con miopia medio-elevata.

Il distacco di retina inizia con il distacco del vitreo, una sostanza gelatinosa a diretto contatto con la retina, che riempie l’occhio. Il vitreo a causa di traumi, caldo, sudorazione, ecc., perde la suo componente acquosa e si contrae, distaccandosi man mano, determinando una o più rotture della retina.

Distacco di retina: cause

In medicina è stata riscontrata la presenza di 3 tipologie di distacco di retina:

  • Distacco di retina regmatogeno. È la forma più diffusa ed è causata da una degenerazione della retina, che progressivamente si rompe o si lacera.
  • Distacco di retina trazionale. Si verifica quando i lembi di tessuto all’interno dell’occhio cominciano ad esercitare una forza centrifuga sulla retina determinandone lo scollamento. Si verifica più spesso nei malati di diabete.
  • Distacco di retina essudativo. Si verifica quando, a seguito di eventi traumatici al bulbo oculare, tumori (es. melanoma della coroide) o malattie infiammatorie localizzate (es. uveite), c’è un accumulo di fluido vitreale al di sotto della retina.

Distacco di retina: sintomi

I sintomi più frequenti del distacco di retina sono:

  • Lampi di luce (fotopsie)
  • Corpuscoli scuri mobili nel campo visivo (miodesopsie)

Quando il distacco di retina è in fase avanzata si verifica un brusco calo della vista e il paziente vede una sorta di tenda che oscura una parte dell’occhio. In tal caso è necessario recarsi immediatamente dall’oculista. Con un trattamento tempestivo, infatti, si possono ridurre i danni per l’occhio.

Distacco di retina: terapia

Per riparare il foro retinico è necessario un intervento chirurgico (in anestesia totale), che richiede un ricovero di 2-3 giorni, ma il giorno successivo il paziente può già alzarsi dal letto. Il distacco di retina può essere comunque prevenuto con un trattamento argon laser.

Photo Credits|ThinkStock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>