Il mesotelioma, il cancro correlato all’esposizione all’asbesto (amianto)

di Redazione 3

Il Mesotelioma maligno è una grave forma di cancro correlata all’esposizione alle fibre aerodisperse dell’asbesto, ovvero dell’amianto. Sebbene questa neoplasia possa essere ancora definita rara, negli ultimi anni si è registrata una crescente incidenza di casi nella popolazione e numerose osservazioni suggeriscono che il problema Mesotelioma sia destinato ad assumere dimensioni ancora maggiori negli anni a venire.

Il mesotelioma colpisce ogni anno due italiani maschi ogni centomila, soprattutto tra coloro che sono stati esposti, per motivi professionali o per vicinanza, all’amianto. Il mesotelioma è una neoplasia che origina dal mesotelio, lo strato di cellule che riveste le cavità sierose del corpo (pleura, peritoneo, pericardio, cavità vaginale dei testicoli).

L’Italia è stata uno dei maggiori produttori ed utilizzatori di amianto fino alla fine degli anni ’80, ma nonostante l’uso dell’amianto sia stato completamente bandito nel 1992, l’Italia sopporta oggi le conseguenze dei livelli di esposizione cui ha dato luogo l’uso intenso del materiale dagli anni 50′ nei settori della produzione industriale di manufatti in cemento-amianto, e di fibre tessili contenenti questo materiale, della cantieristica navale e della riparazione e demolizione di rotabili ferroviari e dell’edilizia.
Macroscopicamente si presenta come una placca pleurica, meno frequentemente nodulare. Il suo sviluppo può portare all’occupazione dello spazio pleurico che ha come conseguenza il blocco polmonare; e in quella circostanza richiede intervento demolitivo.

La quasi totalità dei casi rilevati ha latenza 15-45 anni e decorso 1-2 anni e si presenta in tre differenti forme istologiche: epitelioide, sarcomatoide e bifasica.

La diagnosi è istologica/ radiologica ed è positivo alla calretinina.

E’ caratterizzato da aggressività e resistenza alle più comuni terapie, e da elevata mortalità:

dal momento della diagnosi consente generalmente una sopravvivenza media di 7,7 mesi (range 1-72).

La fascia di età più interessata è quella tra i 40 e i 60 anni, uomini nel 60% dei casi. L’incidenza del mesotelioma è in crescita in tutto il pianeta con circa 2,2 casi per milione di abitanti.

Essendo fortemente correlata all’uso industriale dell’amianto, vietato o in fase di eliminazione ormai anche nei paesi del terzo mondo, ed essendo la patologia ad alta latenza temporale, gli analisti prevedono un picco di casi intorno al 2020, con una successiva decrescita.

Trattandosi di tumori rari, i mesoteliomi vanno trattati in pochi centri specializzati, dove si concentrano le esperienze e le diverse competenze indispensabili: dal chirurgo toracico all’oncologo medico, al radioterapeuta. Prima di scegliere lo specialista a cui affidarsi, è bene chiedergli la sua esperienza specifica nel campo, quanti casi di mesoteliomi ha trattato, quali prospettive è in grado di offrire in termini di sopravvivenza e di qualità della vita. Di seguito, alcuni tra i centri italiani che hanno sviluppato le casistiche più ampie:

[Fonti principali: AAVV, paginesanitarie.com, Wikipedia, Registro Nazionale Mesoteliomi, Gruppo Italiano Mesotelioma, AIRC – Associazione italiana ricerca sul cancro ]

]

Commenti (3)

  1. che cosa posso commentare sul mesotelioma? l’unica cosa che posso dire è che sono molto arrabbiata…… mi ritrovo con un marito affetto da questa malattia. Sono 2 anni che lottiamo ma penso che ormai dobbìamo solo arrenderci, ho paura che siamo quasi alla fine….ho cercato tanto qualche informazione per qualche cura nuova ma purtroppo pare proprio che questi malati non abbiano scampo……Abbiamo 2 figlie adolescenti e proprio adesso che hanno più bisogno del padre sono destinate a prderlo… non dovrei essere arrabbiata? Si può morire solo perchè qualcuno all’età di 17 anni gli ha fatto usare l’amianto? si può morire per aver lavorato onestamente ? se però avete delle nuove informazioni me le comunicate? grazie carmen

  2. @ carmen:
    Mi dispiace,
    anche mio padre è nella stessa situazione, per ora è in cura con chemio (alimta) ma ho l’ impressione che non stia funzionando, cerco ogni giorno in internet qualche novità ma non ne trovo di certe.
    Mi dispiace per le tue bimbe, non so il lavoro di tuo marito ma sò che visto quanto amianto è stato usato in edilizia, industria,etc e quello che è ancora in giro (tetti vari in etrnit) che si sgretola e vola nell’ aria, nessuno di noi può dire di non averne respirato, io ho 40 anni e un figlio di 18 mesi spero di vederlo crescere dato che dalla età di 20 anni lavoro nella manutenzione industriale e chi sà quante volte l’ ho respirata questa merda, incrocio le dita, per non parlare di tutte le altre sostanze cancerogene che normalmente ci respiriamo.
    Se ti può essere di aiuto mio padre è in cura all’ istituto Humanitas di rozzano.
    Non abbatterti, e sappi che i giovani sono piu’ forti di noi a superare queste cose, perchè vedono la vita davanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>