La psoriasi inizia dalle unghie

di liulai 1

La psoriasi è una delle più comuni forme di dermatite cronica, in Italia viene riscontrata in circa 2 milioni di pazienti, in linea con la media della popolazione dei paesi occidentali. La distribuzione regionale non è
omogenea, le regioni italiane più colpite dalla malattia sono quelle del centro Italia (Lazio, Abruzzo, Molise) con prevalenza dei 4,5%. Nelle regioni limitrofe la percentuale è del 3,5%, mentre nel nord Italia si riduce sensibilmente, sino al 2,3%.

È una malattia infiamma­toria della pelle, non infettiva, soli­tamente di carattere cronico e recidivante, per questo chi è affetto da psoriasi non sarà mai completamente guarito, alter­nando momenti di crisi ad altri in cui gli effetti della malattia saranno sotto controllo. La psoriasi può presentarsi a qua­lunque età, più frequentemente dai 10 ai 40 anni, e colpisce in uguale misura uomini e donne. La predisposizione genetica gioca sicuramente un ruolo chiave, ma sull’insorgenza della malattia inci­dono anche alcuni fattori di tipo ambientale e psico-emotivi, per esempio lo stress, l’impiego di alcuni farmaci (per esempio il litio) infezioni e abuso di alcol e nico­tina che possono rappresentari dei fattori scatenanti.

Anche in questo caso, la malattia potrebbe essere affrontata meglio se presa in tempo ed a questo proposito recenti studi indicano che i primi segnali arrivano dal controllo delle unghie, che mani­festano i primi segnali anticipatori di alcune forme di psoriasi; segnali molto spesso ancora sottovalutati- non solo da parte dei dermatologi, ma anche dei medici di medicina generale – ma che invece potrebbero favorire una diagnosi precoce di questa malattia, con effetti terapeutici ancora migliori.

Il problema della frequente diagnosi ritardata della psoriasi e della psoriasi artropatica trova conferma nei dati di una recente indagine GfK-Eurisko, secondo la quale i pazienti, mediamente, giungono ai centri Psocare – le strutture specifiche preposte alla diagnosi e alla terapia di queste patologie – solo dopo 9 anni dal­l’esordio dei sintomi: quasi la metà arriva a questi centri in modo autonomo, dopo aver cambiato me­dico tre-quattro volte dal momento della diagnosi. L’indagine ha preso in esame anche la percezione dei pazienti e dei dermatologi in relazione alla terapia con Infliximab, a oltre due anni dal suo ingresso nel­l’armamentario terapeutico dei dermatologi per la cura della psoriasi a placche.

Commenti (1)

  1. Ma cosa mi dite dei possibili trattamenti per le unghie? In particolare dell’urea? La trovate efficace?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>