Lotta all’invecchiamento grazie ad antagonista ormone crescita

di Valentina Cervelli 3

Combattere l’invecchiamento? La risposta sembrerebbe essere positiva. Una strada potrebbe essere quella di combattere l’avanzata dell’età attraverso l’utilizzo di un antagonista dell’ormone della crescita.

Questa sostanza viene spesso utilizzata dagli anziani negli Stati Uniti  per combattere l’impari lotta contro la vecchiaia. E se fosse tutto sbagliato ed il vero segreto consistesse nell’opporsi proprio all’ormone della crescita? E’  proprio questo il risultato finale di uno studio  effettuato dai ricercatori della divisione di medicina geriatrica ed endocrinologia della scuola di medicina dell’Università di Saint Louis, pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences.

La ricerca avrebbe evidenziato come l’assunzione dell’ormone MZ-5-156,  antagonista dell’ormone della crescita, sia in grado di invertire alcuni dei segni dell’invecchiamento.  Ma ancora più importante, come spiega il dott. John Morley, uno degli autori dello studio:

Questi risultati suggeriscono che l’ormone della crescita, quando viene somministrato a persone di mezza età o anziane, può essere pericoloso.

Per studiare gli effetti dell’ormone sugli esseri viventi è stato utilizzato un topo adeguatamente modificato geneticamente per studiarne i processi di invecchiamento. Quasi subito è stato rilevato che MZ-5-156 aveva effetti positivi sul cervello e sul suo stress ossidativo, con un conseguente miglioramento delle capacità cognitive. E’ stato inoltre rilevato un incremento della latelomeasi, l’enzima che protegge il Dna,  che favorisce un allungamento dell’aspettativa di vita con segni di diminuzione dell’attività tumorale.

E proprio analizzando i risultati dal punto di vista oncologico, è apparso evidente agli scienziati che l’ormone preso in considerazione (come molti altri antagonisti dell’ormone della crescita, n.d.r) è stato in grado di inibire diverse tipologie di cancro come: il tumore alla prostata, quello al seno, il tumore ai polmoni e quello al cervello. Analogamente a quanto avvenuto sui topi sono stati riscontrati effetti positivi degli antagonisti dell’ormone  anche per ciò che riguarda la memoria a breve termine e l’apprendimento.

Nel frattempo, aiutiamo anche noi il nostro corpo, prendendoci cura di lui attraverso i mezzi a nostra disposizione come una sana e corretta alimentazione e del moto.

Articoli correlati:

Un super-pomodoro contro l’invecchiamento

Invecchiamento, il ruolo della personalità

Rallentare l’invecchiamento con gli antiossidanti

Cinque consigli alimentari anti-invecchiamento

Commenti (3)

  1. Buon giorno ,sono una donna di 48 anni,brasiliana .Da 15 anni prendo parlodel(per abassare la prolactina) ora e’ sempre dentro dei parametri .(son in grande forma)
    Da qualche mese ,faccendo ulteriore esame ,hanno scoperto che ho ,il ormoni della crescita in valore un po’ piu alti della norma , mi stanno faccendo fare tutti i esame possibile ,Niente tumore da nessuna parte ,continuano ad studiarmi .. Sono tanti sorpresi,hanno detto che e’ molto raro,ed non capiscono ancora il perche’. .
    Ma magari con tutti rispetti per i dott. Brasiliani ;ma non potrei essere studiata un centro ,che ne so’, Svizzera ?
    Grazie a presto

  2. @ marly:
    Non siamo medici purtroppo e non possiamo dirti di scegliere un centro o un altro in quale parte del mondo. Il tuo caso poi mi sembra molto particolare. Chissà che qualcuno non legga il tuo messaggio e vivendo la stessa cosa possa condividere qualche info in più con te. Nel frattempo cerca un altro centro specifico per la prolattina alta in Brasiele e vedi si ti dicono le stesse cose….l’importante è che sei in gran forma;)
    Cinzia
    BM Medicinalive

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>