Il segreto della longevità? L’atteggiamento positivo

di Marco Mancini 2

Sono in molti che vorrebbero raggiungere i 100 anni, ma ci riescono solo quelli che hanno un atteggiamento positivo verso la vita. Non solo dunque stili salutari come dieta sana e fumo e alcool banditi, ma il segreto della longevità sta anche dentro la nostra testa.

La ricerca, effettuata presso l’Università della Georgia e pubblicata sulla rivista Current Gerontology and Geriatrics Research, dimostra come, insieme al controllo della pressione sanguigna e la glicemia, la buona salute mentale era presente in tutti i 244 ultracentenari analizzati dal 2001 al 2009.

Secondo i ricercatori infatti aiuta avere una personalità forte e vigorosa, ma anche uno spirito di adattamento alle difficoltà della vita che permette di non farsi sopraffare, ma di superarle con sacrificio ma anche buona volontà. Insomma, star bene con sé stessi è il primo passo verso la longevità. Spiega Leonard Poon, docente della facoltà di geriatria:

Grande importanza nella storia di questi anziani ha avuto anche la capacità di fronteggiare gli eventi negativi della vita, grazie a una pronta capacità di adattamento insita nella loro personalità.

Un adattamento che faceva dire agli anziani di essere felici a 100 anni almeno quanto lo erano stati da giovani.

Concentrarsi solo sugli aspetti legati alla salute porta a trascurare altri importanti fattori psicosociali, quali gli eventi della vita, la personalità, la capacità di affrontare le avversità e il livello di consapevolezza della persona che sta invecchiando: tutti elementi che inevitabilmente influiscono sulla sua esistenza

hanno concluso i ricercatori. Con questa teoria concorda Claudio Franceschi docente di immunologia dell’Università di Bologna, il quale aggiunge che una grossa mano alla longevità la dà il trattamento ricevuto durante l’infanzia. Essere ben nutriti ed evitare malattie debilitanti durante l’infanzia è un aspetto da non sottovalutare, e che è riscontrabile in molti ultracentenari. Influiscono anche il grado di istruzione dei genitori ed il livello culturale raggiunto, ma senza dubbio, conclude Franceschi, l’aspetto più importante è il prendersi cura del proprio corpo. Se un anziano lo fa, e affronta con coscienziosità gli ostacoli che gli si frappongono, ha molte speranze di raggiungere il secolo di vita, e anche oltre.

Il segreto della longevità è scritto nel Dna e nel nostro menu
Longevità, se il girovita è largo la vita è breve
Il segreto della longevità è nascosto in 9 aree blù

[Fonte: Corriere della Sera]

Commenti (2)

  1. Avere un atteggiamento positivo è importantissimo: migliora l’umore, accresce la gioia di vivere e fa apprezzare tutto ciò che di bello ci capita nella vita.
    Ed ora, grazie a questa ricerca, si scopre che aiuta anche a vivere più a lungo!!!
    Da tenere ben presente 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>