Glande sempre scoperto, cause e cosa fare

di Cinzia Iannaccio Commenta

Richiesta di Consulto Medico su glande sempre scoperto
Buongiorno, da quando avevo 11 anni , ora ne ho 34, presentò sempre il glande scoperto, e sia in flaccidita che in erezione, se cerco di coprirlo con il prepuzio arriva a metà del glande e come lascio la presa scorre nel solco balanico, come mai? Cosa posso fare? Mia moglie e anche amici pensano che sia circonciso ma non lo sono mai stato! Si può risolvere?

 

glande sempre scoperto cause cosa fare

Specializzazione Andrologia
Tipo di Problema Glande sempre scoperto

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, andrologo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo. Per appuntamenti Email: [email protected] Segreteria cell. 3458092414. Riceve a Pompei (Na), in Via Roma,81. Si prega di utilizzare il numero telefonico ESCLUSIVAMENTE per appuntamenti e non per richieste di ulteriori consulti.

 

Salve, ci sono condizioni del tutto normali in cui il prepuzio diventa retratto perchè perde di elasticità oppure è corto rispetto all’asta; si può risolvere solo chirurgicamente con una plastica.

Cordiali saluti

 

 

Anatomia

Per comprendere meglio il problema è opportuno fare riferimento all’anatomia. Il glande è la parte superiore del pene, dal quale è separato con il cosiddetto “solco balano-prepuziale”. La sua superficie è abitualmente liscia, anche se talvolta può presentare non patologiche papule perlacee, e caratterizzata da un’altisssima sensibilità. Nella prima infanzia e fino all’adolescenza il glande è coperto, sta al chiuso, ricoperto dal prepuzio, ovvero dalla pelle che ricopre tutta l’asta del pene. E’ in questo contesto che si inserisce il dibattito sul toccare o meno il pisellino dei neonati per aprirlo (cosa correlata ad un problema di fimosi e parafimosi).

Con la crescita le cose cambiano: il glande è coperto dal prepuzio a riposo e ne fuoriesce durante l’erezione. Questo è ciò che accade nella norma, ma poiché la lunghezza del prepuzio (come pure in generale le misure del pene) è un fattore individuale, può capitare che qualcuno si ritrovi il glande sempre scoperto anche a riposo e senza la circoncisione e altri che invece lo abbiano sempre coperto e con difficoltà a vederlo fuoriuscire da un prepuzio sovrastante. Ma non si tratta mai di condizioni patologiche. L’unica accortezza è quella di avere un prepuzio che possa ritrarsi facilmente (anche a mano) al di sotto della corona del glande, per favorire una migliore igiene oltre che una migliore sessualità.

 

Glande sempre scoperto, può essere rischioso o dannoso?

Poiché il glande è molto sensibile e tale sensibilità è al massimo durante l’adolescenza, taluni ragazzi tendono a tenerlo scoperto per abituarlo agli stimoli, mentre altri, a coprirlo di continuo per evitare problemi imbarazzanti. Ci sono poi i casi del consulto in cui tenerlo coperto è impossibile. Ebbene non c’è alcun rischio nell’avere il glande scoperto. Anzi, basti pensare alla circoncisione che di fatto asportando parte del prepuzio favorisce una cheratizzazione fisiologica della parte e dunque una maggiore protezione.

Igiene intima

Il glande va sempre scoperto durante l’emissione delle urine, per evitarne il ristagno. Al contempo, occorre lavare frequentemente il glande (scoperto dunque), onde evitare accumuli di batteri, sudore e conseguente smegma. Va preferito un detergente neutro, non aggressivo.

 

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post su argomenti simili:

 

Bollicine rosse e prurito glande e prepuzio, cause?

Macchie rosse sul glande e balanite di Zoon

Ipersensibilità glande, quali rimedi?

Macchie bianche glande e prepuzio, candida o quali cause?

Glande non si scopre in erezione, frenulo corto o fimosi …

Cicatrice sul glande, che fare?

 

 

 

Se avete altre domande da porre ai nostri specialisti visitate la pagina specifica “Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive”.

Vi ricordiamo che non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie : Medicinalive e gli esperti coinvolti propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock