Testicolo ipotrofico, maggior rischio di tumori?

di Cinzia Iannaccio Commenta

testicolo ipotrofico tumoreRichiesta di Consulto Medico

“Salve dottore, le chiedo questo consulto, Sono un giovane di 24 anni. All’età di 4-5 anni sono stato operato al testicolo Dx a causa del criptorchidismo; già allora, dopo l’operazione, era stato rilevato che il testicolo era rimasto lievemente ipotrofico. Ho effettuato l’ultimo controllo all’età di 11 anni e poi non l’ho più fatto controllare, ma posso confermare che anche dopo lo sviluppo il testicolo Dx è rimasto decisamente più piccolo rispetto al Sx. Quanto è bene che tenga monitorato il testicolo ipotrofico? Attualmente non mi dà particolari dolori o fastidi, ma ho letto che potrebbe essere più soggetto a tumori, è vero? Grazie”


Specializzazione Andrologia
Tipo di Problema Testicolo ipotrofico

Risponde il Dr. Mario Francesco Iasevoli, medico- chirurgo, specialista in Endocrinologia e Malattie del metabolismo.

“Salve, putroppo è stato operato un pò troppo tardi e quindi ha sofferto un pò e non è cresciuto a sufficienza. Certo ciò che dice è vero; un testicolo criptorchido è più soggetto a tumore e l’età in cui esso è più frequente è proprio intorno ai 20-30 anni. Direi che è giusto che lei faccia un eco testicolare ; esegua anche un’autopalpazione attenta:  piccole lesioni sono evidenziabili quindi se non accenna a nulla di ciò non ci dovrebbero essere grossi problemi. Si rivolga ad uno specialista che le potrà dare ulteriori delucidazioni. Cordiali saluti, [email protected] cell. 3458092414. “

Per leggere le sue precedenti risposte ed interviste: Dottor Mario Francesco Iasevoli.

Se avete altri dubbi o domande da porre ai nostri esperti visitate la pagina dedicata all’invio dei quesiti Chiedi all’esperto, consulti online su Medicinalive, ricordando quanto segue:

non si effettuano diagnosi online e neppure si prescrivono terapie. Medicinalive ed i medici coinvolti in questa rubrica propongono contenuti a scopo esclusivamente informativo, che mai, in nessun caso possono sostituire una visita specialistica diretta o il rapporto con il proprio medico curante, le uniche basi attraverso cui dopo una diagnosi certificata ed una visita clinica è possibile prescrivere un qualunque trattamento.

Foto: Thinkstock