Divieto di fumo in auto, pediatri soddisfatti

di Valentina Cervelli 0

Il divieto di fumo in auto alla presenza dei bambini ha soddisfatto pienamente le richieste di coloro che si occupano della loro salute. E’ infatti la stessa Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale a sottolineare la propria soddisfazione per la bozza di Decreto Legislativo con le nuove norme relative al tabacco.

Il Ministero della Salute, recependo le direttive europee, ha dichiarato una vera e propria guerra alle sigarette soprattutto per ciò che concerne le categorie più deboli: quelle dei minori e delle donne incinte. Commenta il dottor Salvatore Barberi, Pediatra Pneumo-allergologo dell’Azienda Ospedaliera Fatebenefratelli e Consigliere nazionale della SIPPS:

Il decreto proposto dal Ministro Lorenzin va certamente nella direzione giusta e corregge le mancanze di quei genitori che mettono da parte il buon senso e decidono di fumare, incuranti dei danni che possono causare ai propri figli. I bambini sono infatti i più fragili e i più esposti al fumo passivo. Ma questo avviene non solo in macchina: l’esposizione al fumo passivo si determina, infatti, anche tra le mura domestiche.

Spiegando quali sono i dati allarmanti relativi al fumo di sigaretta fino all’anno 2000 l’esperto sottolinea come, nel secolo nel quale siamo entrati, si rischia un’impennata molto forte di decessi se non vi sarà un brusco passo indietro nella tendenza attuale di consumo. Non va inoltre dimenticato che a causa dei propri genitori fumatori, il tabacco è il fattore ambientale più nocivo per i bambini. L’esposizione al fumo passivo può causare danno al bambino a partire dal grembo della madre: cominciando dalla nascita prematura fino al ritardo di crescita intrauterino fino ad arrivate alla SIDS, la morte improvvisa in culla. Ed ancora malattie cardiovascolari, patologie dell’orecchio ed asma.

Tutti problemi che possono essere prevenuti semplicemente evitando l’esposizione attiva e passiva al fumo di sigaretta. Le nuove norme contenute nella bozza saranno in grado di arginare danni ben più gravi di un po’ di frustrazione causata dall’impossibilità di fumare.

Photo Credits | bikeriderlondon / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>