Pidocchi, attenzione alle infezioni batteriche

di Valentina Cervelli Commenta

I pidocchi sono stati inseriti dall’organizzazione mondiale della sanità tra i possibili veicoli di infezioni batteriche resistenti agli antibiotici. Un pericolo ovviamente più realistico in quei paesi in via di sviluppo dove la scarsa igiene e le condizioni di salute precarie sono più diffuse. Vista in questa ottica la pediculosi, abbastanza frequente in questo periodo dell’anno, acquista un area più negativa del solito, che ne dite?

Le infestazioni da pidocchi in questo periodo dell’anno, soprattutto nei bambini in età scolare, sono da dare quasi per scontate: sono migliaia ogni anno i genitori chiamati a fare i conti con questo problema. La prevenzione passa per un controllo serrato del cuoio capelluto e dei capelli dei minori: sebbene esistano molti prodotti per uccidere i parassiti, non vi sono dei mezzi specifici per evitare che questi si spostino indisturbati dalla testa di un bambino all’altra. Questa parassitosi è probabilmente una delle più fastidiose per i bambini a livello gestionale e su questo si può essere certi. L’Organizzazione mondiale della Sanità ha voluto  puntare l’attenzione sulle patologie e le infezioni che i pidocchi possono veicolare nella persona attraverso la loro presenza. Nessun allarmismo in generale per paesi sviluppati come il nostro. In altre zone del mondo, dove i batteri in generale sembrano essere sempre di più resistenti agli antibiotici e le lendini e gli stessi aracnidi più forti nei confronti dei vari medicinali utilizzati per uccidere questi animaletti e le loro uova, è necessario applicare una lotta più serrata contro il pidocchio.

Se il parassita diventa più forte, cresce di conseguenza anche la possibilità di contrarre infezioni come le follicoliti, la foruncolosi e l’impetiginizzazione. Non dobbiamo dimenticare che in quei paesi essi sono ancora in grado di favorire il contagio del tifo esantematico e della febbre ricorrente epidemica. La prevenzione passa  attraverso l’igiene ed un controllo scrupoloso della testa del bambino.  Se i pidocchi vengono contratti, in farmacia è possibile affidarsi a rimedi di origine chimica di diversa tipologia ed a pettinini particolari in grado di staccare le lendini da capello. Attualmente in commercio esistono anche dei pettini in grado di dare delle piccole scosse elettriche efficaci contro i pidocchi e non pericolose per l’uomo.

In linea generale, ad ogni modo, fate attenzione alla testa dei vostri figli ed assicuratevi, in caso di pediculosi, di fare di tutto per eliminare i parassiti.

Leggi anche :

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>