I sintomi dell’allergia al latte vaccino e ai suoi derivati

di Marco Mancini Commenta

L’allergia al latte è una delle allergie più comuni in quanto il latte e i suoi derivati sono presenti in una gran quantità di cibi e possono così venire in contatto molto facilmente in quasi tutti i tipi di diete, tranne che in quella vegana, tanto che si calcola che tra il 3 ed il 7% dei bambini in età scolare ne soffra. Un aspetto da sottolineare è la differenza tra allergia al latte ed intolleranza al lattosio, due condizioni diverse ma che, per sintomi e cause simili, possono essere facilmente confuse.

Per allergia al latte si intende una reazione spropositata del sistema immunitario del paziente che reagisce contro una o più proteine del latte; di intolleranza al lattosio invece si parla quando nell’apparato digerente un enzima addetto alla metabolizzazione del latte e i suoi derivati manca o è troppo poco. Quando i sintomi sono lievi possono essere molto simili. La differenza sostanziale avviene in caso di reazioni allergiche gravi.

Sintomi dell’allergia al latte

I sintomi lievi dell’allergia al latte vaccino sono reazioni cutanee, come degli sfoghi rossi o orticaria sulla pelle; crampi, vomito e diarrea; produzione di gas nello stomaco che può portare a gonfiore addominale; starnuti o naso che cola e tosse. Nei casi più gravi i sintomi cominciano ad essere più pesanti e possono essere sfoghi cutanei più preoccupanti rispetto a quelli precedenti o gonfiore di lingua, labbra e gola che, insieme ad altre reazioni interne, rendono difficile la respirazione. Possono scaturire da una forte reazione anche delle occhiaie, o contorni neri intorno agli occhi, mal di stomaco grave, sibilo fino a mancanza di respiro. La reazione peggiore è l’anafilassi, o shock anafilattico, la quale può essere un pericolo per la vita in quanto la pressione sanguigna cala di colpo ed il corpo non riceve più ossigeno a sufficienza.

Ognuna di queste reazioni può impiegare diversi periodi di tempo per manifestarsi, da pochi minuti a ore, fino ad alcuni giorni, possono cambiare nel corso del tempo e, in molti casi e specialmente quando accadono tra i bambini, spariscono crescendo.

Prevenzione dell’allergia al latte

E’ possibile scoprire se si è allergici al latte e ai suoi derivati con dei normali test cutanei, consigliati soprattutto a quelle persone che hanno casi in famiglia di questa o altre allergie visto che si sospetta si tratti di una condizione ereditaria.

Allergia al latte si sconfigge bevendolo
Allergia al latte: una goccia al giorno ed il bambino guarisce
Allergie al latte: nuove linee guida

[Fonti: Medicinaoltre; Medicinalive; Eufic]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>