Pillola Ru 486: esame passato, sarà disponibile in tutti gli ospedali italiani

di Marco Mancini 0

E’ durato 6 ore il consiglio dei cinque membri dell’Aifa, Agenzia Italiana per il Farmaco, per decidere sul futuro della pillola abortiva Ru486, il medicinale che fa paura al Vaticano, ma che è utilizzato già da anni nelle altre nazioni europee. Con 4 voti favorevoli ed uno contrario, è stata dunque approvata la commercializzazione della pillola, per ora solo all’interno degli ospedali.

La modalità di assunzione prevede che essa venga prescritta dal medico entro e non oltre il 49esimo giorno di gravidanza, altrimenti le complicanze potrebbero essere risolte solo chirurgicamente. La scelta ovviamente non è piaciuta alla Chiesa, che ha già annunciato una scomunica per tutti coloro che la prenderanno, ma anche per chi parteciperà all’intero iter dell’aborto, quindi medici, produttori, e magari anche i distributori.

Il Vaticano si è appellato al Parlamento italiano per bloccarne la diffusione, ma l’unica cosa che può fare è bloccarlo all’interno dei suoi confini, perché finalmente l’Italia, con il suo solito ritardo, ha fatto un passo verso la civiltà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>