Amiloidosi, cos’è e quali sono i sintomi

di Cinzia Iannaccio Commenta

L’amiloidosi è una condizione in cui si assiste ad un accumulo di materiale proteico (a ridotto peso molecolare ed insolubile, l’amiloide) fuori dalle cellule abituali. Al microscopio si possono osservare piccoli filamenti proteici nei tessuti. L’amiloide di per se stessa non è una sostanza nociva, ma quando è presente in forma eccessiva in alcuni tessuti, può arrecare danni al loro funzionamento. Per ciò che riguarda l’amiloidosi renale ad esempio questa sostanza proteica si va ad incanalare nei vasi sanguigni e negli elementi di filtro.  Il danno agli elementi filtranti è il problema più importante e può causare una perdita di proteine (proteinuria) ​​con ritenzione di liquidi, e in alcuni casi può condurre anche ad insufficienza renale. ecco una serie di sintomi e condizioni correlate all’amiloidosi, a seconda degli organi e tessuti colpiti.

Amiloidosi, cos'è e quali sono i sintomi

Perdita di proteine ​​con ritenzione di liquidi

Il sintomo più evidente è il gonfiore alle caviglie (ma anche ad altri distretti del corpo).

Insufficienza renale

E’ rilevabile da analisi del sangue che misurano le sostanze chimiche che il rene dovrebbe eliminare dal corpo. Altri sintomi di insufficienza renale possono includere prurito o stanchezza.

Amiloidosi ed altri sintomi

Ogni paziente con amiloidosi ha disturbi diversi, a seconda degli organ colpiti.

Amiloidosi e pelle

L’amiloide può colpire i piccoli vasi sanguigni all’interno della pelle rendendoli fragili.

 

Intestino

È abbastanza comune che parti dell’intestino siano interessate dall’amiloide. Ciò può causare una tendenza alla diarrea o alla stitichezza o, in alcuni casi, a difficoltà di deglutizione.

 

Ossa e articolazioni

L’amiloide può causare gonfiore intorno alle articolazioni, anche se questo non è di solito un grande problema. Ci può essere una compressione di uno dei nervi alla mano intorno al polso, e se vi è intorpidimento o formicolio nel pollice o nel palmo della mano dovresti dirlo al medico, poiché di solito può essere affrontato con un semplice intervento chirurgico.

 

Cuore e fegato

Questi organi possono avere l’amiloide depositato al loro interno. È normale che i medici misurino la funzionalità epatica con analisi del sangue ed eseguano un elettrocardiogramma.

 

Foto: Pixabay