Ascesso epatico piogenico

di Marco Mancini Commenta

Ascesso epatico piogenico

L’ascesso epatico piogenico è una zona piena di pus nel fegato.

CAUSE: Ci sono molte possibili cause di ascessi epatici, tra cui:

  • Infezione addominale come appendicite, diverticolite o un intestino perforato;
  • Infezione nel sangue;
  • Infezione della secrezione del tratto biliare;
  • Endoscopia recente del sistema biliare;
  • Trauma che danneggia il fegato.

La maggior parte dei batteri comuni che causano ascessi epatici sono:

  • Bacteroides;
  • Enterococcus;
  • Escherichia coli;
  • Klebsiella;
  • Staphylococcus;
  • Streptococcus.

Nella maggior parte dei casi, più di un batterio viene trovato.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Feci chiare;
  • Urina scura;
  • Febbre con brividi;
  • Perdita di appetito;
  • Nausea e vomito;
  • Dolore dell’addome superiore (più comune) o in tutto l’addome (meno comune);
  • Perdita di peso involontaria;
  • Debolezza;
  • Pelle gialla (ittero).

DIAGNOSI: I test possono includere:

  • TAC addominale;
  • Ecografia addominale;
  • Analisi del sangue per i batteri;
  • Biopsia epatica;
  • Enzimi epatici (test di funzionalità epatica) e bilirubina;
  • Conta dei globuli bianchi.

TERAPIA: Il trattamento consiste solitamente in un intervento chirurgico o nel passare attraverso la pelle un ago o tubo per drenare l’ascesso. Insieme a questa procedura, ci si sottopone a terapia antibiotica a lungo termine (in genere 4-6 settimane). A volte gli antibiotici da soli possono curare l’infezione.

PROGNOSI: Anche con il trattamento di questa condizione, ci può essere pericolo per la vita nel 10-30% dei pazienti. Il rischio è più elevato nelle persone che hanno molti ascessi. Una possibile complicazione è la sepsi che mette a rischio la sopravvivenza.

Contattare un medico in caso di:

  • Sintomi di questo disturbo;
  • Forte dolore addominale;
  • Confusione o riduzione della coscienza;
  • Persistente febbre alta;
  • Altri sintomi nuovi durante o dopo il trattamento.

PREVENZIONE: Il trattamento rapido delle infezioni addominali e altre può ridurre il rischio di sviluppare un ascesso al fegato. Molti casi non sono prevenibili.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.