AVASTIN, Roche (Bevacizumab)

di Piera Commenta

AVASTIN, Roche

CATEGORIA: Farmaci anticorpo monoclonali, agenti antineoplasici

FORMA FARMACEUTICA: Soluzione per infusione

PRINCIPI ATTIVI: Bevacizumab

INDICAZIONI: Avastin è un farmaco di nuova generazione che viene impiegato, in associazione alla n combinazione chemioterapia a base di fluoropirimidine, per combattere i carcinoma mammari ed il cancro al colon, sopratutto in presenza di metastasi.  Invece, associato alla chemioterapia a base di platino, è utilizzato anche com trattamento in prima linea per i soggetti con carcinoma polmonare, in stato avanzato, metastatico o in ricaduta, mentre il medicinale in combinazione con interferone alfa-2a è impiegato per il trattamento dei pazienti con carcinoma renale avanzato e/o metastatico. La dose deve essere somministrata in soluzione endovenosa di 90 minuti e sotto stretto controllo di un medico specializzato in neoplasie.

CONTROINDICAZIONI/EFFETTI SECONDARI: Ipersensibilità al principio attivo o ad uno degli eccipienti. Ipersensibilità accertata o sospetta ai prodotti che sono derivati da cellule ovariche di crice to cinese (CHO) o ad altri anticorpi ricombinanti umani o umanizzati. Avastin non deve essere prescritto ai pazienti affetti da metastasi del Sistema nervoso Centrale non trattate. Tra gli effetti collaterali più comuni vi sono ipertensione arteriosa, cefalea,
epitassi, vertigini, nausea e confusione. Può verificarsi anche qualche episodio di stitichezza che si può risolvere bevendo molta acqua ed integrando le fibre nell’alimentazione. Possono comparire disturbi lievi e transitori all’apparato cardiaco e circolatorio.  Non assumere in gravidanza e durante l’allattamento. Le donne in età fertile devono considerare l’utilizzo di un contraccettivo durante il periodo di trattamento e per i 6 mesi successivi.  

NOTE: Il bevacizumab è una molecola di recente scoperta che secondo le ultime ricerche può essere impiegata con successo anche per la cura del cancro al seno, patologia tumorale molto frequente purtroppo nelle donne. La sua funzione è quella di agire direttamente sulla proteina Vegf ritenuta responsabile della proliferazione delle cellule malate. Inibendo la sua azione, quindi, Avastin, ad esempio, aiuta a mantenere sotto controllo la neoplasia e contribuisce a migliorare la salute ed allungare la speranza di vita.

Altri farmaci: Xeloda

[Fonti principali: PagineSanitarie.com; Xapedia.it]

*Per ulteriori informazioni leggere il foglietto illustrativo. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovveroun soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>