Citopatia mitocondriale

di Marco Mancini Commenta

Citopatia mitocondriale

La citopatia mitocondriale è uno dei problemi che causano l’accumulo di cellule che possono portare a blocchi nelle vene, i quali hanno effetti sul corpo. I mitocondri sono strutture che producono energia presenti in ogni cellula del corpo: sono le centrali elettriche del corpo. Se non funzionano correttamente il problema è noto come citopatia mitocondriale.

Ci sono molti tipi diversi di citopatia mitocondriale. Ognuna provoca sintomi diversi di diversa gravità. I mitocondri possono essere danneggiati da problemi ereditati o acquisiti durante la vita, che possono determinare le diverse forme della malattia. Un individuo colpito può presentare problemi subito dopo la nascita o può svilupparli anche in età adulta.

SINTOMI: I mitocondri sono in ogni singola cellula e ogni organo può così essere coinvolto. I tessuti che utilizzano molta energia, in particolare il cervello, muscoli, reni e fegato, sono più comunemente coinvolti. Una persona affetta da citopatia mitocondriale può avere lievi sintomi che possono non arrecare grossi disturbi, ma può avere anche gravi sintomi che possono diventare fatali.

Tutti gli organi possono essere colpiti da una varietà di sintomi. Ogni sindrome ha un suo gruppo di sintomi specifici. Per esempio, nella sindrome di Leigh alcuni dei possibili sintomi includono:

  • convulsioni;
  • tono muscolare scarso;
  • stanchezza;
  • difficoltà nel mangiare e nella deglutizione;
  • problemi respiratori.

Nella sindrome di Kearns-Sayre ci possono essere:

  • sordità;
  • demenza;
  • blocco cardiaco;
  • paralisi dei movimenti oculari.

Altri sintomi spesso associati a citopatie mitocondriali comprendono disturbi gastrointestinali, malattie epatiche, il diabete, le palpebre cascanti, bassa statura, problemi renali, debolezza muscolare, problemi cardiaci e ritardi di sviluppo.

TERAPIA: Nonostante i molti studi in corso, non è possibile impedire che la citopatia mitocondriale sorga, e non è possibile curarla, così il trattamento è mirato ad alleviare i sintomi e ritardare la progressione della malattia. Il trattamento può comportare farmaci, integratori di vitamine e minerali, e i trattamenti di supporto come la fisioterapia e la terapia occupazionale.

[Fonte: BBC]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>