Difillobotriasi

di Marco Mancini 1

pesce crudo

Difillobotriasi

La difillobotriasi, o tenia del pesce, è un’infezione da un parassita presente nel pesce.

CAUSE: Il Diphyllobothrium latum è il più grande parassita che infetta gli esseri umani quando mangiano pesce d’acqua dolce crudo o poco cotto che lo contiene. L’infezione è vista in molte aree in cui gli esseri umani mangiano pesce crudo o poco cotto da fiumi o laghi come i Paesi africani, ma anche Europa Orientale, Nord e Sud America, Scandinavia e alcuni Paesi asiatici.

Dopo che una persona ha mangiato pesce infetto, le larve cominciano a crescere nell’intestino. Le larve si sviluppano completamente in 3-6 settimane. Il verme adulto, che è segmentato, può raggiungere una lunghezza di 9 metri. Le uova si formano in ogni segmento e fuoriescono con le feci. A volte anche parti del verme possono essere espulse con le feci. La difillobotriasi può portare a carenza di vitamina B12 e all’anemia megaloblastica.

SINTOMI: La maggior parte delle persone infette non hanno sintomi. Se i sintomi si verificano, possono includere:

  • Disagio o dolore addominale;
  • Diarrea;
  • Debolezza;
  • Perdita di peso.

DIAGNOSI: Le persone infette a volte espellono segmenti del verme con le feci. I test possono includere:

  • Esame del sangue completo;
  • Esame delle feci per le uova e i parassiti.

TERAPIA: Vengono assegnati dei farmaci per combattere i parassiti per via orale, di solito in una singola dose. Il farmaco più comune è il praziquantal. Anche il niclosamide può essere usato. Potrebbero essere necessarie iniezioni di vitamina B12 o supplementi per trattare l’anemia megaloblastica che può verificarsi con questa infezione.

PROGNOSI: La difillobotriasi può essere rimossa con una dose di farmaco. Non ci sono effetti duraturi. Possibili complicazioni possono essere anemia megaloblastica e blocco intestinale.

Contattare un medico se si nota un verme o segmenti di verme nelle feci o se tutti i membri della famiglia hanno i sintomi dell’anemia perniciosa.

PREVENZIONE: Evitare pesce crudo o poco cotto d’acqua dolce. Il congelamento per 24 ore uccide anche le uova della tenia.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Photo Credits | Thinkstock