Emorragia subcongiuntivale

di Marco Mancini Commenta

Emorragia subcongiuntivale

L’emorragia subcongiuntivale, o sottocongiuntivale, è una macchia di colore rosso vivo che si può vedere nel bianco degli occhi. Questa condizione è anche chiamata “occhi rossi”.

CAUSE: Una emorragia subcongiuntivale si verifica quando un piccolo vaso sanguigno si rompe e sanguina vicino alla superficie bianca dell’occhio (congiuntiva bulbare). Questa rottura può avvenire senza alcun tipo di infortunio o lesione, ed è spesso notata quando ci si sveglia e ci si guarda in uno specchio. Aumenti improvvisi di pressione, come violenti starnuti o tosse, possono causare una emorragia subocongiuntivale. L’emorragia può verificarsi anche nelle persone con pressione alta o che assumono anticoagulanti.

Una emorragia sottocongiuntivale è comune nei neonati. In questo caso, la condizione si pensa possa essere causata dai cambiamenti di pressione che avvengono nel corpo del neonato durante il parto.

SINTOMI: Una macchia di colore rosso appare sul bianco dell’occhio. Essa non provoca dolore e non c’è una perdita di sangue dall’occhio. La vista non cambia.

DIAGNOSI: Il medico eseguirà un esame fisico per guardare gli occhi del paziente. La pressione sanguigna dovrebbe essere controllata. Se si hanno altre aree di sanguinamento o lividi, altri test più specifici possono essere necessari.

TERAPIA: Nessun trattamento è necessario. Si dovrebbe tenere la pressione sanguigna sotto controllo regolarmente.

PROGNOSI: Una emorragia subcongiuntivale di solito va via da sola in circa 1 settimana. Di solito non ci sono complicazioni.

Contattare il proprio medico se una macchia di colore rosso appare sulla parte bianca dell’occhio.

PREVENZIONE: Non c’è un metodo di prevenzione conosciuto per evitare l’emorragia subcongiuntivale.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>