Endometrite

di Marco Mancini Commenta

Endometrite

L’endometrite è un’infiammazione o irritazione del rivestimento dell’utero (endometrio). Non è uguale all’endometriosi.

CAUSE: L’endometrite è causata da infezioni come clamidia, gonorrea, tubercolosi o miscele di batteri vaginali normali. E’ più probabile che si verifichi dopo l’aborto spontaneo o parto, soprattutto dopo un lungo travaglio o taglio cesareo.

Un’intervento chirurgico che, per arrivare nell’utero, fa passare gli strumenti attraverso la cervice (come il posizionamento di un dispositivo intrauterino), aumenta il rischio di sviluppare l’endometrite. Essa può avvenire in concomitanza con altre infezioni pelviche come salpingite acuta, cervicite acuta, e molte infezioni sessualmente trasmesse.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Distensione addominale o gonfiore;
  • Anormale sanguinamento vaginale;
  • Perdite vaginali anomali;
  • Disagio con la defecazione;
  • Febbre;
  • Malessere generale;
  • Dolori al basso ventre o pelvici (dolore uterino).

DIAGNOSI: Il medico eseguirà un esame fisico e un esame pelvico. L’addome inferiore può essere molle. I rumori intestinali possono essere diminuiti. Un esame pelvico può mostrare utero e cervice uterina molli. Ci può essere scarico cervicale. I seguenti test possono essere effettuati:

  • Analisi del collo dell’utero per clamidia, gonorrea e altri organismi;
  • Biopsia endometriale;
  • VES (velocità di sedimentazione);
  • Laparoscopia;
  • Globuli bianchi;
  • Esame microscopico di qualsiasi scarico.

TERAPIA: Gli antibiotici sono usati per il trattamento e le complicanze prevenibili dell’endometrite. Se prendete antibiotici in seguito ad una procedura ginecologica, è molto importante discuterne con il proprio medico. Potrebbe essere necessario il ricovero se si ha un caso complicato di endometrite, come quelli che riguardano sintomi gravi o che si verificano dopo il parto. Altri trattamenti possono comportare:

  • Liquidi endovena;
  • Riposo.

I partner sessuali possono anche avere bisogno di essere curati se la condizione è causata da un’infezione a trasmissione sessuale.

PROGNOSI: La maggior parte dei casi di endometrite passano con gli antibiotici. L’endometrite non curata può portare ad infezioni più gravi e complicazioni negli organi pelvici, riproduzione, e con la salute generale. Possibili complicazioni possono essere:

  • Infertilità;
  • Peritonite pelvica;
  • Ascesso pelvico o uterino;
  • Setticemia;
  • Shock settico.

Contattare un medico se si hanno i sintomi dell’endometrite, o se si hanno i sintomi e di recente si ha avuto un bambino, aborto spontaneo, aborto, dispositivo intrauterino o qualsiasi intervento chirurgico che riguarda l’utero.

PREVENZIONE: L’endometrite causata dalle infezioni sessualmente trasmesse può essere evitata con la diagnosi precoce ed il trattamento completo delle infezioni sessualmente trasmesse in voi stessi e nei partner sessuali, e praticando sesso sicuro con il preservativo.

Il rischio di endometrite è ridotto con attente tecniche ginecologiche con materiali sterili e prendendo antibiotici dopo un parto cesareo.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Photo Credits | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>