Fibromi uterini

di Marco Mancini 2

Fibromi uterini

I fibromi uterini sono fibromi noncancerosi (benigni) che si sviluppano nell’utero, un organo riproduttivo femminile.

CAUSE: I fibromi uterini sono il tumore pelvico più comune. Una donna su 5 può avere fibromi durante l’età fertile (il tempo che va dalle prime mestruazioni alla menopausa). I fibromi solitamente colpiscono le donne di età superiore ai 30 anni. Essi sono rari nelle donne sotto i 20, e spesso si restringono e non provocano sintomi nelle donne in menopausa. Essi sono più comuni nelle afro-americane rispetto alle caucasiche. La causa dei fibromi uterini non è nota. Tuttavia, la crescita dei fibromi sembra dipendere dall’ormone estrogeno. Finché una donna è in età fertile, un fibroma continuerà probabilmente a crescere, di solito lentamente.

I fibromi possono essere così piccoli che avrete bisogno di un microscopio per vederli. Tuttavia, essi possono diventare molto grandi fino a riempire l’utero intero e pesare parecchi chili. Anche se è possibile che si sviluppi un solo fibroma, di solito ce ne sono più di uno. I fibromi sono spesso descritti dalla loro ubicazione in utero:

  • Miometriali – nella parete muscolare dell’utero;
  • Sottomucosa – appena sotto la superficie del rivestimento uterino;
  • Sottosierosa – appena sotto la copertura al di fuori dell’utero;
  • Penduli – che si verificano al di fuori dell’utero o all’interno della cavità dell’utero, sotto l’epidermide.

SINTOMI: I sintomi comuni di fibromi uterini sono:

  • Pienezza addominale, gas, o costipazione;
  • Sanguinamento tra i periodi mestruali;
  • Aumento della frequenza urinaria;
  • Forte sanguinamento mestruale (menorragia), a volte con dei coaguli di sangue;
  • Periodi mestruali che possono durare più a lungo del normale;
  • Crampi o dolore pelvico con il ciclo;
  • Sensazione di pienezza o di pressione nel basso ventre;
  • Dolore durante il coito.

DIAGNOSI: Un esame pelvico può mostrare un utero di forma irregolare, grumosa o allargata. Spesso questa diagnosi è affidabile. In alcuni casi, è difficile diagnosticare i fibromi, soprattutto nelle donne obese, in cui possono essere scambiati per:

  • Gravidanza;
  • Tumori ovarici;
  • Infiammazione delle tube di Falloppio;
  • Adenomiosi uterina (una condizione in cui il rivestimento uterino si sviluppa nella parete muscolare dell’utero).

Un’ecografia transvaginale pelvica può essere fatta per confermare la diagnosi dei fibromi. A volte, una risonanza magnetica pelvica è utilizzata per confermare la diagnosi. Una biopsia dell’endometrio (biopsia della mucosa uterina) o laparoscopia può essere necessaria per escludere il cancro.

TERAPIA: Il trattamento dipende da vari fattori, tra cui:

  • Età;
  • Stato generale di salute;
  • Gravità dei sintomi;
  • Tipo di fibromi;
  • Se si è incinta;
  • Se si desidera avere figli in futuro.

Alcune donne possono aver bisogno di esami di ecografia pelvica regolari per controllare la crescita del fibroma. Il trattamento per i sintomi dei fibromi può includere:

  • Pillole anticoncezionali per aiutare a controllare i periodi mestruali pesanti;
  • Dispositivi intrauterini che rilasciano ormoni progestinici per ridurre emorragie e dolori;
  • Integratori di ferro per prevenire o trattare l’anemia a causa dei periodi pesanti;
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come l’ibuprofene o Naprosyn per crampi o dolore.

La terapia ormonale può essere usata per aiutare compattare i fibromi. Questa terapia viene utilizzata solo per un breve periodo di tempo, prima dell’intervento chirurgico per rimuovere un fibroma o quando una donna è vicina alla menopausa. Gli effetti collaterali comprendono vampate di calore e secchezza vaginale. La chirurgia e le procedure utilizzate per il trattamento di fibromi sono:

  • Resezione isteroscopica dei fibromi: le donne che hanno fibromi crescenti all’interno della cavità uterina possono avere bisogno di questa procedura ambulatoriale. In questo caso, una piccola telecamera e altri strumenti vengono inseriti attraverso la cervice nell’utero per rimuovere i fibromi.
  • Embolizzazione dell’arteria uterina: questa procedura interrompe l’afflusso di sangue al fibroma, provocando la morte per strangolamento. L’embolizzazione dell’arteria uterina non è usata per trattare i fibromi di grandi dimensioni. Le donne che potrebbero voler rimanere incinte in futuro non deve applicare questa procedura.
  • Miomectomia: Questa chirurgia rimuove i fibromi. Spesso è il trattamento più scelto per le donne che vogliono avere figli, perché di solito è in grado di preservare la fertilità. Un altro vantaggio di una miomectomia è che controlla il dolore o l’eccessivo sanguinamento che si verifica in alcune donne con fibromi uterini. Più fibromi possono svilupparsi dopo una miomectomia.
  • Isterectomia: Questa chirurgia invasiva può essere un’opzione se i farmaci e altre procedure chirurgiche non funzionano.

PROGNOSI: Alcune donne con fibromi non hanno sintomi e non necessitano di un trattamento. Nel corso di una gravidanza, i fibromi esistenti possono crescere a causa del maggiore flusso di sangue e dei livelli di estrogeni. I fibromi generalmente tornano alla loro dimensione originale dopo che il bambino è nato. Possibili complicazioni possono essere presenti durante la gravidanza, anche se il rischio è minimo. La maggior parte delle donne è in grado di portare a termine la gravidanza, a volte prematuramente perché non c’è abbastanza spazio nell’utero. Per altre potrebbe essere necessario un taglio cesareo perché i fibromi possono occasionalmente bloccare il canale del parto o causare un posizionamento errato del bambino.

Alcune donne in gravidanza con fibromi hanno pesanti emorragie dopo il parto. Altre complicazioni sono:

  • Dolore intenso o emorragie eccessivamente pesanti che possono richiedere la chirurgia di emergenza;
  • Un fibroma pendulo può diventare contorto e causare una piega nei vasi sanguigni che alimentano il tumore (per questo tipo di fibroma potrebbe essere necessario l’intervento chirurgico);
  • Anemia (che può essere grave se il sanguinamento è molto pesante);
  • Infezioni delle vie urinarie, se la pressione del fibroma impedisce alla vescica il pieno svuotamento;
  • Modifiche cancerogene come il leiomiosarcoma (in rari casi);
  • Sterilità (raramente).

Contattare un medico se:

  • Hai cambiamenti graduali nel ciclo mestruale, tra cui un flusso più pesante, maggiori crampi o sanguinamento tra i periodi;
  • Pienezza o pesantezza si sviluppano nella parte inferiore dell’addome.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.