Glomerulopatia a lesioni minime

di Marco Mancini 1

Glomerulopatia a lesioni minime

La glomerulopatia a lesioni minime è una malattia renale che può portare alla sindrome nefrosica, anche se i nefroni del rene sembrano normali al microscopio comune.

CAUSE: Ogni rene è composto da più di un milione di unità chiamate nefroni, che filtrano il sangue e producono l’urina. In questa malattia vi è un danno ai glomeruli, piccoli vasi sanguigni all’interno del nefrone. La malattia prende questo nome perché il danno non è visibile al microscopio normale, ma può solo essere visto con un microscopio elettronico. La glomerulopatia a lesioni minime è la più comune causa di sindrome nefrosica nei bambini, ma può comparire anche negli adulti.

La causa è sconosciuta, ma la malattia si può verificare dopo:

  • Reazioni allergiche;
  • Vaccinazioni recenti;
  • Infezione virale.

SINTOMI: Ci possono essere i sintomi della sindrome nefrosica:

  • Urine schiumose;
  • Scarso appetito;
  • Gonfiore (soprattutto intorno agli occhi, piedi e caviglie, e nell’addome);
  • Aumento di peso (da ritenzione idrica).

La glomerulopatia a lesioni minime non riduce la quantità di urina prodotta e raramente progredisce in insufficienza renale.

DIAGNOSI: Il medico non può essere in grado di vedere tutti i segni esteriori evidenti della malattia, oltre al gonfiore. Analisi del sangue e delle urine rivelano i segni tipici della sindrome nefrosica, tra cui:

  • Colesterolo alto;
  • Elevati livelli di proteine ​​nelle urine;
  • Bassi livelli di albumina nel sangue.

Una biopsia renale e l’esame del tessuto con un microscopio elettronico possono mostrare i segni della malattia. Un’immunofluorescenza del tessuto renale bioptico è negativa.

TERAPIA: I corticosteroidi possono curare la malattia nella maggior parte dei bambini. Alcuni pazienti possono avere bisogno di prendere steroidi per guarire. Gli adulti non rispondono agli steroidi bene come i bambini, ma molti ancora riescono a trovare gli steroidi efficaci. Gli adulti possono avere più ricadute frequenti e dipendenza da steroidi.

I pazienti che hanno tre o più recidive possono provare la terapia citotossica. Nella maggior parte dei casi, si tratta di un farmaco chiamato ciclofosfamide. Altri farmaci che sono stati utilizzati includono ciclosporina e clorambucile. Il gonfiore può essere curato con:

  • Farmaci ACE-inibitori;
  • Controllo della pressione arteriosa;
  • Diuretici.

Si può anche ridurre la quantità di sale nella dieta.

PROGNOSI: La glomerulopatia a lesioni minime di solito risponde bene ai corticosteroidi, spesso entro il primo mese. Una ricaduta può verificarsi, ma i pazienti possono migliorare dopo un trattamento prolungato con corticosteroidi e farmaci che deprimono il sistema immunitario (farmaci immunosoppressivi). Possibili complicazioni possono essere:

  • Sindrome nefrotica;
  • Effetti collaterali dei farmaci.

Contattare un medico se si sviluppano sintomi della malattia, mentre se si sa di essere malati, contattare un medico se i sintomi peggiorano o se ne sviluppano di nuovi, compresi gli effetti collaterali da farmaci usati per trattare il disturbo.

PREVENZIONE: Non c’è prevenzione nota.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>