Infertilità femminile

di Marco Mancini 1

Infertilità femminile

L’infertilità è l’incapacità di una coppia di avere una gravidanza dopo 12 mesi di rapporti non protetti.

CAUSE: L’infertilità primaria è il termine usato per descrivere una coppia che non è mai stata in grado di concepire una gravidanza, dopo almeno un anno di rapporti non protetti. L’infertilità secondaria descrive le coppie che hanno avuto almeno una gravidanza, ma non sono state in grado di raggiungerne una nuova.

Le cause di infertilità comprendono una vasta gamma di fattori fisici ed emotivi. Circa il 30-40% dei casi di infertilità è dovuta ad un fattore “maschile” (infertilità maschile); il 40-50% hanno un fattore “femminile” che può essere cicatrici da malattie a trasmissione sessuale o endometriosi, disfunzione dell’ovulazione, cattiva alimentazione, squilibri ormonali, cisti ovariche, infezioni pelviche, tumore, o anormalità del sistema di trasporto dalla cervice uterina attraverso le tube di Falloppio. I restanti 10-30% dei casi di infertilità possono essere causati da fattori che contribuiscono da entrambi i partner, o nessuna causa può essere identificata.

Si stima che il 10-20% delle coppie non è in grado di ottenere una gravidanza dopo 1 anno di tentativi. E’ importante che la gravidanza sia tentata per almeno un anno. Le possibilità di gravidanza che si verificano in coppie sane sotto i 30 anni e hanno rapporti regolarmente è solo del 25-30% al mese. Il picco della fertilità di una donna si verifica intorno ai 20 anni. Oltre i 35 (e in particolare dopo i 40 anni), la probabilità di rimanere incinta scende a meno del 10% al mese. Oltre ai fattori legati all’età, l’aumento del rischio per l’infertilità è dovuto a:

  • Molteplici partner sessuali (aumenta il rischio per le malattie sessualmente trasmesse);
  • Malattie sessualmente trasmesse;
  • Malattia infiammatoria pelvica;
  • Esposizione al dietilstilbestrolo;
  • Disturbi del comportamento alimentare;
  • Cicli mestruali anovulatori;
  • Endometriosi;
  • Difetti dell’utero (miomi) o ostruzione del collo dell’utero;
  • Malattie croniche come il diabete.

SINTOMI: I più comuni sono:

  • Incapacità di rimanere incinta;
  • Una gamma di reazioni emotive da uno o entrambi i membri della coppia. In generale, tali reazioni sono maggiori tra le coppie senza figli. Avere almeno un bambino tende ad ammorbidire queste emozioni dolorose.

DIAGNOSI: Una storia completa ed un esame fisico di entrambi i partner è essenziale. I test per le donne possono includere:

  • Misura della temperatura basale del corpo;
  • Monitoraggio dei cambiamenti del muco cervicale durante il ciclo mestruale;
  • Test post-coitale per valutare l’interazione spermatozoo-muco cervicale;
  • Misurazione del progesterone plasmatico (un esame del sangue);
  • Biopsia del rivestimento uterino (endometrio);
  • Misurazione della quantità di ormone luteinizzante nelle urine;
  • Prova del progesterone;
  • Livelli sierici ormonali (esami del sangue) per uno o entrambi i partner;
  • Isterosalpingografia;
  • Laparoscopia;
  • Esame pelvico per determinare se ci sono cisti.

TERAPIA: Il trattamento dipende dalla causa di infertilità. Può comportare:

  • Semplice educazione e consulenza;
  • Farmaci per il trattamento di infezioni o per la promozione dell’ovulazione;
  • Procedure mediche altamente sofisticate come la fertilizzazione in vitro.

E’ importante per la coppia riconoscere e discutere l’impatto emotivo che l’infertilità ha su di loro come individui e insieme consultare un medico.

PROGNOSI: Una causa può essere determinata nell’85- 90% delle coppie sterili. Una terapia appropriata (non comprese le tecniche avanzate come la fecondazione in vitro) permette che la gravidanza che si verifichi nel 50-60% dei casi. Senza alcun intervento di trattamento, il 15-20% delle coppie infertili precedentemente diagnosticate ottiene una gravidanza.

PREVENZIONE: Poiché l’infertilità è spesso causata da malattie sessualmente trasmissibili, praticare comportamenti sessuali più sicuri può minimizzare il rischio di infertilità in futuro. Gonorrea e clamidia sono le due cause più frequenti di infertilità correlate alla malattie sessualmente trasmissibili. Alcune malattie sono spesso asintomatiche in un primo momento, come la salpingite che sviluppa processi infiammatori che formano cicatrici nelle tube di Falloppio e diminuiscono la fertilità, o portano alla sterilità assoluta, o una maggiore incidenza di gravidanza ectopica.

Alcune forme di controllo delle nascite, come il dispositivo intrauterino, comportano un rischio più elevato di infertilità. Tuttavia il dispositivo non è consigliato alle donne che non hanno mai avuto un figlio. La diagnosi precoce e il trattamento dell’endometriosi possono diminuire il rischio di infertilità.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>