Kuru

di Marco Mancini 1

Kuru

Il kuru è una malattia del sistema nervoso attualmente inesistente nel mondo Occidentale.

CAUSE: Il kuru è una malattia estremamente rara. E’ causata da una proteina infettiva (prione) che è stata trovata nel tessuto cerebrale umano contaminato. Il kuru si trova quasi esclusivamente tra gli abitanti della Nuova Guinea che praticavano una forma di cannibalismo in cui veniva mangiato il cervello di persone morte come parte di un rito funebre.

Il kuru causa cambiamenti neurodegenerativi simile alla malattia di Creutzfeldt-Jakob. Malattie simili appaiono nelle mucche sotto forma di encefalopatia spongiforme bovina (BSE), detta anche morbo della mucca pazza, ma stavolta nella sua variante umana. Il principale fattore di rischio per il kuru è mangiare il tessuto del cervello umano che può contenere le particelle infettive.

SINTOMI: I sintomi del kuru sono:

  • Problemi di coordinamento che possono peggiorare fino diventare gravi;
  • Difficoltà a camminare (atassia cerebellare);
  • Difficoltà di deglutizione;
  • Tremori e spasmi muscolari (mioclono).

La difficoltà di deglutizione e l’incapacità di nutrirsi possono portare alla malnutrizione o all’inedia. Ci possono volere fino a 30 anni o anche di più per cominciare a sviluppare i sintomi (periodo di incubazione).

DIAGNOSI: Un esame neurologico può mostrare cambiamenti nella coordinazione e nella capacità di camminare.

TERAPIA: Non esiste alcun trattamento conosciuto per il kuru.

PROGNOSI: La morte avviene di solito entro un anno dopo il primo insorgere dei sintomi.

Contattare un medico se avete difficoltà a camminare, deglutire, o problemi di coordinamento. Il kuru è estremamente raro, così prima di diagnosticarlo il medico dovrà escludere altre malattie neurologiche.

[Fonte: Ny Times]

Per ulteriori informazioni rivolgersi al proprio medico. Le informazioni fornite su MedicinaLive sono di natura generale ed a scopo puramente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari.